Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Giustizia digitale, Brunetta: “Tabella di marcia rispettata”

Completata l’installazione delle dotazioni informatiche in 42 uffici giudiziari del primo lotto. In corso interventi nei 54 tribunali del secondo lotto. A settembre via alla terza tranche

14 Lug 2011

"Prosegue con successo l'attuazione del Piano
straordinario per la digitalizzazione della giustizia presentato
dal ministro della Giustizia Angelino Alfano e dal ministro per la
Pubblica amministrazione e l'Innovazione Renato Brunetta".
Lo rileva una nota di Palazzo Vidoni, ricordando come "il suo
obiettivo dichiarato è quello di ridurre i tempi dei procedimenti,
facilitare il lavoro dei magistrati e degli operatori della
giustizia, ridurre i costi, liberare risorse umane da alcune
attività che saranno digitalizzate e semplificare la fruizione dei
servizi per i cittadini e le
imprese".

E' dunque pienamente rispettata la sua tabella di marcia, che
ogni mese prevede la consegna, l'installazione e
l'implementazione della dotazione informatica a un determinato
lotto di Uffici giudiziari. A oggi sono operative le prime
realizzazioni pilota del Piano effettuate nelle scorse settimane
nei Tribunali di Macerata e Isernia mentre stata completata
l'installazione (hardware e software) delle dotazioni
informatiche in 42 Uffici giudiziari (primo lotto), come previsto
in sede di programmazione degli interventi. Inoltre è in corso di
ultimazione l'installazione del kit nei 54 Uffici giudiziari
del secondo lotto.

"Per il mese di settembre – prosegue il ministero della PA e
Innovazione – è stata pianificata per il mese di settembre
l'installazione del kit nei 43 Uffici giudiziari del terzo
lotto. Grazie a un programma di lavoro serrato, entro 12 mesi
dall'avvio del Piano, tutti i 477 Uffici giudiziari italiani
disporranno dunque del kit per digitalizzare gli atti, procedere
alle notifiche online e consentire agli operatori pagamenti via
web".

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link