Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La Toscana mette il turbo all’e-gov. Firmata l’intesa con Brunetta

Attuazione delle norme del nuovo Cad e spinta alla diffusione della sanità elettronica i punti salienti del protocollo siglato dal governatore Enrico Rossi e il ministro

03 Feb 2011

La Toscana spinge sull'e-gov. Il ministro per la Pubblica
amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta e il presidente
della Regione Toscana Enrico Rossi hanno firmato oggi a Palazzo
Vidoni un Protocollo d’intesa per la realizzazione di un
programma di interventi innovativi finalizzati a incrementare
l’accessibilità dei sistemi di e-government.

Il documento sottoscritto si inserisce nel Piano e-Gov 2012 del
Ministro Brunetta ed è in linea con la programmazione regionale in
tema di sviluppo della società dell’informazione.
Nel dettaglio l'impresa prevede l'attuazione delle
disposizioni del nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale
(Cad), potenziando soprattutto i processi di semplificazione e
quelli volti all’accesso telematico ai servizi (trasmissione
sicura e certificata delle comunicazioni, Pec, Voip).

La Regione Toscana adotterà ogni strumento utile a favorire la
dematerializzazione dei suoi documenti, la circolarità delle sue
banche dati nonché l’istituzione dello sportello unico per le
imprese e il rafforzamento di Linea Amica e di Reti Amiche. Con
l’iniziativa “Mettiamoci la faccia”, i cittadini potranno
anche esprimere direttamente una propria valutazione sulla qualità
del servizio ricevuto dagli uffici regionali. La Regione Toscana si
impegna inoltre a innovare i modelli di selezione e di gestione
delle risorse umane attraverso il progetto “Vinca il Migliore”
così da garantire il miglioramento delle performance delle
pubbliche amministrazioni.

Il Protocollo rafforza l’impegno assunto dalla Regione Toscana di
agevolare il rapporto tra PA, cittadini e imprese migliorando
l’offerta dei servizi regionali nel settore della sanità non
solo tramite l’invio telematico dei certificati di malattia da
parte dei medici per i lavoratori sia del settore pubblico che
privato ma anche attraverso la diffusione della ricetta digitale e
del fascicolo sanitario elettronico (Fse). Verrà inoltre sostenuto
il processo di integrazione del Centro Unico di Prenotazione (Cup)
regionale, con l’obiettivo di consentire la prenotazione online
delle prestazioni sanitarie. Il programma di misurazione e
riduzione degli oneri amministrativi e dei termini procedimentali
consentiranno gradualmente una riduzione del 25% degli oneri
amministrativi gravanti su cittadini e imprese.

Per quanto riguarda federalismo fiscale e catasto la Regione
Toscana si impegna a completare e diffondere sul suo territorio il
sistema unitario per un’efficace lotta all’evasione fiscale.
Novità anche per le scuole che saranno dotate di infrastrutture
per la moderna didattica (banda larga, lavagne multimediali,
sistemi di videoconferenza).

I servizi telematici per la giustizia saranno implementati a
partire dalla digitalizzazione e riorganizzazione degli uffici
giudiziari e dall’invio delle comunicazioni e notifiche in via
telematica, fino al rilascio telematico di certificati giudiziari e
all’accesso diretto in rete ai dati del Casellario
giudiziario.
Sulla base di quanto stabilito nel Protocollo, la Regione adotterà
inoltre ogni strumento idoneo per prevenire il rischio di
corruzione e di illeciti a danno della Pubblica Amministrazione.
Tra questi si segnalano i “Patti di Integrità” in materia di
evidenza pubblica e l’adesione al “Decimo Principio del Global
Compact” promosso dalle Nazioni Unite.