Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Open data e nuovo Cad protagonisti ad Innovatori Jam

Cinquemila partecipanti e oltre 4mila idee “innovative” discusse nella prima edizione della maratona online organizzata da AgInnovazione. La piattaforma resta attiva: i navigatori invitati a contribuire all’analisi dei dati

15 Set 2011

Codice dell'amministrazione digitale, open data ed e-tourism.
Sono stati questi gli argomenti più discussi nella prima edizione
di “Innovatori Jam 2011”, la sessione di discussione online
sull’innovazione promossa dall’Agenzia per la diffusione delle
tecnologie per l’innovazione in collaborazione con Ibm.

Gli oltre 5mila partecipanti hanno condiviso oltre quattromila idee
e punti di vista su come rilanciare l'innovazione nel nostro
Paese, focalizzando l'attenzione sui cambiamenti nella PA
determinati dall'applicazione del nuovo Cad. Altro tema caldo
è stato quello degli open data, ovvero come l'approccio
“open” – la possibilità di condividere nella massima
trasparenza le info – possa facilitare l'erogazione di servizi
sempre più efficaci, riducendo i costi della burocrazia.

Particolare interesse hanno suscitato anche l'e-tourism e il
ruolo dell'amministrazione pubblica come
"accompagnatore" delle imprese italiane che puntano ad
investire all'estero. Tra le community più attive, quella
degli "Innovatori della PA", InAr (un network di
architetti) e la community degli imprenditori che hanno partecipato
a Italia degli Innovatori.

Ora tocca all'’Agenzia per la diffusione delle tecnologie per
l’innovazione approfondire e analizzare – per l'elaborazione
dei dati è richiesto circa un mese di lavoro – i contenuti. A
questo proposito AgInnovazione chiede ai partecipanti un ulteriore
impegno nella valutazione delle idee messe in campo in questa due
giorni digitale, condividendole nella piattaforma di Innovatori Jam
2011, che resterà attiva anche nelle due prossime settimane.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link