Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Per i giovani le risposte dei notai sono a portata di click

L’intesa ministero della Gioventù-Notariato permette di ottenere info online su come avviare un’impresa o comprare una casa

10 Dic 2009

Dubbi sulle procedure notarili per il mutuo per la casa o per
l'acquisto? Oppure per mettere su un'impresa? O
informazioni su come diventare notaio? Da oggi è disponibile su
Internet un servizio di consulenza e informazione, indirizzato ai
giovani e fornito gratuitamente dal Consiglio Nazionale del
Notariato, grazie a un accordo con il Ministero della
Gioventù.

Il protocollo d'intesa, presentato oggi a Palazzo Chigi dal
ministro della Gioventù Giorgia Meloni e dal presidente del
Consiglio del Notariato Paolo Piccoli, prevede per l'appunto un
servizio telematico intitolato “Un consiglio per i giovani”,
disponibile sul sito web del Ministero e su quello del Notariato
sui temi della casa, del mutuo, dell'impresa, della famiglia,
degli stranieri e dell'accesso alla professione notarile. È
previsto fra l'altro un servizio di risposte a quesiti che si
possono inviare direttamente ai notai che prestano il servizio
gratuito di consulenza.

“Si tratta di un primissimo passo – ha precisato Piccoli-. Il
prossimo sarà il contenimento dei costi per gli atti. Le tariffe
sono decise dal Ministero della Giustizia ma faremo in modo che per
la prima casa e per l'avvio di un'attività professionale
il giovane abbia le tariffe più basse possibile”.

'Ci stiamo appellando a tutti gli ordini professionali
affinché diano una mano – ha detto il ministro Meloni -. La
scorsa settimana un'intesa con i consulenti del lavoro, oggi
con i notai. Speriamo che altri seguano. I giovani vivono oggi un
periodo difficile e nel quale serve più che mai la
solidarietà”. È in via di definizione un accordo con il Cnel
per sostenere i giovani professionisti. “Faremo altrettanto con
gli imprenditori e i lavoratori, perché possa esserci in Italia un
Consiglio nazionale della gioventù”.