Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Sanità, e-services, e-learning. Poste “innova” il Campus Biomedico

Procedure innovative nella certificazione sanitaria dei pazienti e formazione in rete per gli studenti di Medicina tra i punti salienti della partnership. Sarmi: “Nel settore della salute mettiamo in campo strumenti già sperimentati con successo in altri settori”

18 Ott 2010

Accordo di collaborazione tra Poste Italiane e l'Università
Campus Bio-Medico di Roma (Ucbm) per la creazione di servizi
innovativi nel campo della certificazione sanitaria, della
comunicazione digitale e della formazione in rete per medici e
studenti dell'Università. L'intesa è stata firmata
dall'Ad della società Massimo Sarmi e dal Presidente
dell'Ucbm Paolo Arullani.
"L'Università Campus Bio-Medico di Roma è un polo di
eccellenza per l'assistenza sanitaria e per la ricerca medica
-spiega l'Ad, Massimo Sarmi -. L'accordo firmato
rappresenta un nuovo riconoscimento di prestigio per Poste
Italiane".

La partnership punta innanzitutto a far leva sulla presenza
capillare di Poste Italiane sul territorio nazionale per fornire ai
pazienti l'opportunità di ritirare presso la rete
"Sportello Amico" la refertazione per prestazioni
sanitarie effettuate presso il Policlinico, il pagamento dei ticket
e la prenotazione di visite specialistiche ed esami". Secondo
obiettivo è lo sviluppo di una Carta co-branded per l'utilizzo
di servizi telematici dedicati ai pazienti, che potranno
utilizzarla anche come carta prepagata, avvalendosi delle offerte
del Gruppo Poste Italiane.

"Il settore della salute -continua Sarmi- è un ambito in cui
noi possiamo mettere a disposizione servizi innovativi già
sperimentati con successo con altre istituzioni e progettarne altri
esclusivi e espressamente dedicati per semplificare le attività
amministrative e di certificazione sanitaria oltre a creare
piattaforme di e-learning che potranno avere rilevanti applicazioni
nel settore".

"Grazie al supporto di Poste Italiane e della sua rete di
infrastrutture -spiega Paolo Arullani – l'Università Campus
Bio-Medico di Roma potrà ora sperimentare soluzioni innovative
nell'erogazione dell'assistenza sanitaria. L'attenzione
al paziente non si dimostra solo nella capacità di curarlo, ma
anche di offrirgli un sistema moderno ed efficiente di servizi che
gli faccia risparmiare
tempo e disagi". In base all'accordo, il Gruppo Poste
Italiane offrirà all'Università Campus Bio-Medico di Roma
anche la possibilità di utilizzare un sistema di posta elettronica
certificata, per comunicazioni con studenti e pazienti.

L'accordo prevede infine lo sviluppo di metodologie di
formazione a distanza per personale, studenti e iscritti ai Master
della Scuola di Formazione Continua dell'Ateneo, che potranno
supportare l'attività d'insegnamento principale svolta in
aula, mettendo a fattor comune l'esperienza accumulata da Poste
Italiane nell'utilizzo di piattaforme virtuali di e-learning
per l'aggiornamento professionale degli oltre 150mila
dipendenti del Gruppo.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link