Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INTERNET

Anagrafe dei domini web italiani, Marco Conti è il nuovo responsabile

Il neo direttore dell’Istituto di Informatica e telematica del Cnr di Pisa subentra a Domenico Laforenza: “Strategico avviare un filone di ricerca sul quantum Internet e puntare con decisione sull’intelligenza artificiale”

23 Set 2019

A. S.

L’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr di Pisa ha un nuovo direttore: si tratta di Marco Conti, 56 anni, originario di Seravezza, in provincia di Lucca, che subentra a Domenico Laforenza, destinato a continuare nella collaborazione con l’istituto in qualità di “ricercatore emerito”. Con questa carica Conti acquisisce anche quella di responsabile del Registro .it, l’anagrafe dei nomi a dominio con suffisso “.it”.

Laureato in Scienze dell’Informazione presso l’Università di Pisa nel 1987, Conti è da marzo 2018 membro del Gruppo 2003 che riunisce gli scienziati italiani che lavorano in Italia e figurano negli elenchi dei ricercatori più citati al mondo nella letteratura scientifica, si legge in una nota del Cnr.

Conti, è tra l’altro anche membro del consiglio direttivo dell’Imt Alti Studi di Lucca ed è stato nominato commendatore nel dicembre scorso dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per meriti scientifici.

“In prospettiva – sottolinea Conti – anche tenendo conto dei nuovi programmi per la ricerca, nazionali ed europei ritengo che lo Iit dovrà estendere le proprie attività di ricerca verso il mondo delle tecnologie quantistiche che potranno rappresentare una rivoluzione nel mondo dell’informatica. In particolare, considerata la missione dell’istituto, ritengo strategico avviare un filone di ricerca sul quantum Internet. Un altro settore strategico è quello dell’intelligenza artificiale, e soprattutto la sua interazione con alcune delle linee di ricerca dell’istituto, come cybersecurity, reti e sistemi pervasivi e settori applicativi legati alla salute, al manifatturiero, alla mobilità e alle città intelligenti“.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2