Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

3 Italia “rilancia” con Ericsson: la nuova partnership aggiunge il tassello cloud

Accordo pluriennale per la fornitura e l’ammodernamento delle infrastrutture di rete, ma anche per la realizzazione di una nuova architettura IT basata sulla “nuvola” che permetterà di dimezzare i consumi energetici. Mirtillo (Ericsson): “Ora siamo il principale partner Ict”

15 Dic 2010

Ericsson e 3
Italia annunciano oggi il rinnovo e l'ampliamento della
partnership per la gestione dei sistemi di Tlc. Oltre a parte
dell'infrastruttura di rete l'azienda svedese gestirà
anche l'IT dell'operatore con tecnologia cloud.
L'intesa prevede non soltanto un ammodernamento degli apparati
di rete di telecomunicazioni ma comprende anche
l'infrastruttura IT con una nuova architettura basata sul cloud
computing.

L'accordo pluriennale riguarda l'ammodernamento dei sistemi
e dell'architettura IT, dei sistemi operativi e di business
quali per esempio i sistemi di fatturazione e il customer
relationship management, nonché la gestione e manutenzione della
nuova rete IT. Nel dettaglio, fa sapere 3 Italia, la nuova
architettura IT permetterà a 3 Italia di ridurre fino al 50%
l’energia consumata e gli spazi occupati. 3 Italia ha intrapreso
un programma di trasformazione e ammodernamento tecnologico dei
propri sistemi e architettura IT, utilizzando nuove tecnologie
basate sul concetto di cloud computing.

Il programma di trasformazione permetterà di risparmiare sino al
50% dell’energia necessaria e degli spazi occupati e di modulare,
ottimizzandolo, l'utilizzo dei componenti di sistema in base
alle esigenze, minimizzando la necessità di acquisto di asset
fisici.

Il programma di trasformazione e ammodernamento dei sistemi e
dell’architettura IT è stato affidato a Ericsson, sulla base di
un accordo pluriennale di consulenza e system integration che
include la trasformazione e l’ammodernamento delle componenti
hardware e software dei sistemi e delle applicazioni IT, dei
sistemi operativi e di business (Oss/Bss) quali ad esempio la
fatturazione e il Crm, nonché la gestione, manutenzione e
l’ammodernamento della nuova rete IT.

Il progetto di ammodernamento permetterà di standardizzare
l'infrastruttura di 3 Italia, e di conseguenza di ridurre i
costi di gestione attraverso una maggiore efficienza operativa, e i
tempi di messa in opera di nuovi servizi, accorciandoli a poche
ore.

Questo accordo conferma la volontà di Ericsson nel perseguire la
leadership nel settore delle soluzioni per l’Information &
Communication Technology (Ict), come comprovato
dall'acquisizione di Pride Spa, avvenuta a febbraio.

Con più di 9 milioni di clienti 3G, 3 Italia fornisce una vasta
gamma di servizi di comunicazione (voce, video, Internet, TV
digitale mobile), oltre a contenuti di intrattenimento in
mobilità.

Antonella Ambriola, Cto di 3 Italia, ha sottolineato:
"Ericsson conosce perfettamente la nostra realtà di mercato e
siamo convinti che sarà un partner affidabile anche per l’area
Ict. Grazie a questo contratto ridurremo i costi operativi e, oltre
a migliorare le performance dei nostri servizi, saremo liberi di
concentrarci sui servizi al cliente. Grazie alla nostra rete 3G di
ultima generazione e alla nuova architettura Ict, 3 Italia è in
una posizione privilegiata per fronteggiare la crescita del
traffico dati".

Nunzio Mirtillo, Presidente Regione Mediterraneo di Ericsson,
dichiara che per le due società, che già da tempo collaborano per
lo sviluppo della rete e nei managed services, "Includere
anche la sfera dell’Ict è un passaggio naturale – ha detto – Il
nostro pluriennale legame con 3 Italia garantisce una profonda
conoscenza del loro business e ci permetterà di diventare il loro
maggiore partner dei servizi Ict nello sviluppo e gestione della
rete dati. L’accordo dimostra che Ericsson può aiutare i propri
clienti a risolvere i problemi e, contemporaneamente, garantire
loro delle performance superiori. La crescita della banda larga
mobile e l’innovazione nei servizi a cui assisteremo nei prossimi
anni comporterà la richiesta da parte dei clienti di una rete
avanzata e un supporto Ict all’avanguardia".