Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

300mila euro per finanziare le start-up “rosa”

Il “progetto Donne & Lavoro” vede in campo la Fondazione Vodafone Italia. Fra le categorie del concorso “Web. Mettiamoci in rete” dedicata a iniziative legate al mondo Internet e delle Tlc

13 Ott 2010

300mila euro per le migliori idee imprenditoriali sociali al
femminile. Questa la somma appena stanziata nell'ambito
dell'iniziativa "progetto Donne & Lavoro" annunciata
oggi dalla Fondazione Vodafone Italia e il settimanale Donna
Moderna.
Tra gli ambiti del concorso c'è anche la categoria "Web.
Mettiamoci in rete", dedicata a progettlegati al mondo di
Internet o delle telecomunicazioni mirati a incentivare
l'occupazione femminile. La partecipazione è aperta a tutte le
donne di età non superiore ai 30 anni, laureande o neolaureate,
che intendano realizzare un'attività con finalità di
solidarietà o utilità sociale residenti in Italia in maniera
stabile.

"Fondazione Vodafone Italia è impegnata da otto anni sul tema
del disagio sociale e ha finora dato il suo sostegno a 300
associazioni", spiega Ida Linzalone, Segretario generale
Fondazione Vodafone Italia. "Ma investire nello sviluppo
sociale oggi non significa solo fare interventi di donazione pura,
occuparsi esclusivamente del disagio estremo. Oggi il sociale e’
una cosa che ci tocca sempre più da vicino, che riguarda i temi
del lavoro, del fare impresa e microimpresa come possibilità di
ripartire o di trovare un proprio spazio lavorativo".
"Per questo abbiamo scelto di investire in un progetto che
premia le tre start-up al femminile che meglio sapranno coniugare
innovazione imprenditoriale e impatto sociale sulle donne. Perché
proprio le donne, che sono spesso al centro del disagio sociale,
hanno anche una straordinaria capacità di reagire alle
difficoltà".

Le domande di iscrizione potranno essere inviate dal 15 ottobre
2010 fino alle ore 24 del 15 gennaio 2011. Tutte le informazioni
sono disponibili sul sito www.progettodonnelavoro.it.