Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

A firma di Thales Alenia Space il satellite W3D

07 Dic 2010

Una capacità operativa quasi duplicata che permetterà ai clienti
Eutelsat di ampliare la propria attività commerciale, con
l’opportunità di aprirsi a nuovi mercati in Europa, Medio
Oriente, Africa e Asia centrale. È questo il nuovo piano esecutivo
di Eutelsat Communications, uno dei maggiori operatori satellitari
mondiali, che oggi ha annunciato di aver commissionato a Thales
Alenia Space la costruzione del satellite W3D che sostituirà W3B
perso dopo il lancio del 28 ottobre scorso.

Provvisto di 56 transponder, il nuovo satellite sarà consegnato
tra 24 mesi, in modo da permettere ad Eutelsat di pianificare
l’entrata in servizio commerciale all’inizio del 2013. W3D
sarà realizzato sulla piattaforma Spacebus 4000 di Thales Alenia
Space e posizionato accanto al W3A a 7 gradi Est, incrementando
così la capacità operativa da 44 a 70 transponder. Queste risorse
supplementari aumenteranno la capacità di sicurezza con benefici
maggiori ai clienti esistenti Eutelsat.

“Lavorando in stretta collaborazione con l’industria per
garantire la consegna di W3C entro metà 2011, secondo il
calendario previsto, abbiamo lanciato il programma W3D che sarà
ultimato in 24 mesi. Il nostro obiettivo è di applicare a entrambi
i programmi tutte le indicazioni emesse dalla commissione
d’inchiesta istituita in seguito alla perdita del satellite W3B –
ha spiegato Michel de Rosen, Ceo di Eutelsat -. Mentre la
commissione prosegue i lavori, noi abbiamo già messo in atto una
serie di misure per rafforzare i controlli durante del processo di
fabbricazione industriale.”

Dal punto di vista commerciale l’offerta sarà quindi ampliata
per permettere una gamma completa di servizi anche verso nuovi
mercati. Sul piano finanziario, invece, la copertura di rimborso è
attualmente in corso: W3D sostituisce il programma satellitare W3B
che era interamente protetto da copertura assicurativa.