Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

ALCATEL-LUCENT NEL “DNA” DEI PREMI NOBEL PER LA FISICA

07 Ott 2009

Il premio Nobel per la Fisica, quest'anno, va un po'
anche ad Alcatel-Lucent. Due dei vincitori William Boyle e George
Smith, premiati per le loro ricerche che hanno portato
all’invenzione i sensori Ccd, svilupparono queste tecnologie
quarant’anni fa presso i Bell Labs, l’organizzazione della
ricerca di Alu. E anche il terzo dei premiati, Charles Kao, che
ha svolto il fondamentale lavoro di ricerca sulle Fibre Ottiche.,
ha avuto a che fare con l'azienda. Kao aveva sviluppato le
sue teorie a partire dal 1966 quando era ricercatore nei
laboratori di Harlow (Standard Telecommunications
Laboratories) della Stc, filiale britannica della Itt.
Nel 1987, le attività di telecomunicazioni della Itt, fortemente
radicate in Europa con quasi 100 mila dipendenti, vennero
acquisite dalla francese Cge, che avrebbe successivamente
cambiato il proprio nome in quello di Alcatel (dal novembre 2006
Alcatel-Lucent).