Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Alenia Aeronautica, trovato l’accordo con i sindacati

Stabilizzazione di 450 precari e mobilità volontaria a fronte di 500 nuove assunzioni i punti chiave dell’intesa. Masat (Fiom): “Abbiamo evitato licenziamenti mascherati”. Ora la palla passa ai lavoratori che dovranno votare tramite referendum quanto sottoscritto

08 Nov 2011

Stabilizzazione di 450 lavoratori precari e mobilità volontaria a
fronte di 500 nuove assunzioni: sono questi gli aspetti chiave
del'ipotesi di accordo tra Alenia Aeronautica e i sindacati che
ora deve passare al vaglio del referendum tra i lavoratori
dell'azienza. A dare l'annuncio la Fiom Cgil. 
“Nel pomeriggio di oggi abbiamo raggiunto un’ipotesi di accordo
con Alenia Aeronautica – Massimo Masat, coordinatore nazionale
Fiom-Cgil del gruppo Alenia Aeronautica – Quella avviata in
settembre dall’azienda era una vertenza difficile che traeva
origine da un pesante piano di ristrutturazione presentato
dall’azienda stessa. Questa di oggi è quindi sicuramente
un’intesa sofferta con cui abbiamo però dato una risposta ai
problemi più gravi".

“Con la sigla dell’accordo odierno, abbiamo innanzitutto
evitato licenziamenti mascherati, impedendo che i lavoratori
passino automaticamente dalla Cassa integrazione alla mobilità –
prosgue Masat – Inoltre, abbiamo garantito la stabilizzazione del
rapporto di lavoro di 450 lavoratori precari. A fronte di un
ricorso alla mobilità volontaria, l’intesa prevede anche 500
nuove assunzioni, 300 delle quali nel corso del 2012.”

“In secondo luogo, ci troviamo di fronte all’impegno
dell’azienda ad effettuare investimenti per 2 miliardi e mezzo di
euro entro il 2020, con nuovi programmi e nuovi prodotti. A questo
proposito, ribadiamo che il piano industriale presentato da Alenia
dovrà essere comunque materia di verifica costante per garantire
che i sacrifici affrontati dai lavoratori non siano fini a se
stessi, ma costituiscano un passaggio decisivo all’interno di un
rilancio dell’azienda.”

“Infine, per la Fiom è decisivo che, dopo la sigla
dell’accordo, la parola passi ai lavoratori – conclude il
sindacalista – Infatti, saranno i dipendenti di Alenia Aeronautica
a decidere con un referendum sulla positività dell’ipotesi di
accordo oggi sottoscritta".

Marco Bentivogli, segretario nazionale della Fim Cisl sottolinea
che " l'accordo arriva dopo una difficilissima vertenza
avviata con premesse inaccettabili (chiusura di 3 siti e 1118
esuberi ndr) e che solo le trattative serrate sono riuscite a
modificare".

"La vertenza Alenia – aggiunge Bentivogli – è stata sin qui e
lo sarà per il periodo che abbiamo di fronte, uno dei negoziati
più difficili di questi ultimi anni. Il carico dei sacrifici dei
lavoratori andrà onorato da un'azienda più rigorosa nel
riconoscere i propri errori e maggiormente capace di costruire
strategie credibili e capaci di guidarne un vero rilancio. Per le
Rsu si apre ora una fase impegnativa di sostegno all'accordo
sottoscritto e di gestione di tutti i punti raggiunti
nell'intesa"