Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Android Market per Vodafone. E in Italia caccia a 450 agenti

L’App Store sarà disponibile sulla piattaforma Vodafone 360 inizialmente in otto stati europei. Intanto in Italia parte una maxi campagna assunzioni

16 Giu 2010

Vodafone vuole il proprio Market Android e si prepara a lanciarne
una versione brandizzata già quest’estate. L’Android App Store
verrà inserito in una sezione ad hoc della piattaforma di servizi
Vodafone 360 e farà il suo debutto in otto stati europei: Olanda,
Germania, Grecia, Italia, Irlanda, Portogallo, Spagna e Regno
Unito.

Il Vodafone App Shop sarà preinstallato sui dispositivi Android a
partire da fine giugno, inizialmente solo sul Sony Ericsson x10
Mini Pro e sul Buzz Htc. Con questo market parallelo Vodafone mira
ad offrire agli utenti un’esperienza migliore del market Android,
grazie alle numerose applicazioni, molte delle quali gratuite e al
metodo di pagamento più agevole e vero punto di forza del nuovo
shop. Gli utenti pagheranno infatti le applicazioni attraverso la
bolletta telefonica. L’inserimento di banner pubblicitari nelle
applicazioni sarà consentito, Vodafone conserverà il 30% e
lascerà agli sviluppatori il 70% degli introiti.

Intanto Vodafone Italia, capitanata da Paolo Bertoluzzo, ha
lanciato una campagna per assumere 450 agenti per l’Italia, di
cui una quarantina per il Lazio, con l’obiettivo di rafforzare la
rete di vendita sul territorio. Per l’inserimento è previsto un
percorso formativo articolato tra aula e “training on the job”,
della durata minima di 10 giorni. Sono tre i canali di vendita da
rafforzare: quello Vodafone Small Business, che si occupa di
sviluppare le attività commerciali, quello B2b indiretto, deputato
alla promozione di servizi di rete fissa e mobile e quello B2c
indiretto, diretto alla sviluppo dei servizi di rete fissa e mobile
dedicati al mercato consumer. La campagna si rivolge a laureati e
diplomati, anche alla prima occupazione, finora non ha però dato i
risultati sperati dall'azienda.