Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Android sorpassa iPhone. Rim (per ora) resta leader

Il dato, rilevato da Npd group, riguarda il primo trimestre 2010. Il successo del sistema operativo Google da attribuire anche ai device Motorola e Htc e alla promozione del carrier Verizon

11 Mag 2010

Il sistema operativo mobile di Google ha convinto i consumatori
(oltre che i produttori di handset e i carrier). E negli Stati
Uniti il suo share supera ormai quello di iPhone: nel primo
trimestre dell’anno, secondo Npd group, ha una quota di mercato
del 28% contro il 21% del sistema operativo della Apple.

Android ha compiuto un notevole balzo in avanti rispetto ai tre
mesi precedenti, quando controllava il 20% del mercato, e il
risultato si deve anche alle forti vendite di telefoni come il
Droid e il Droid Eris commercializzati da Verizon Wireless, secondo
gli analisti.
 Lo share dell’iPhone negli Usa, al contrario, è
rimasto più o meno stabile rispetto al quarto trimestre 2009.
Leader sul mercato americano resta Research In Motion, la cui
famiglia di smartphone BlackBerry ha circa il 36% dello
share.



"Verizon si sta impegnando molto nella promozione, per far
conoscere e apprezzare Android tra i suoi clienti”, nota
l’analista della Npd, Ross Rubin. 
Il successo del cellulare
Droid è una buona notizia anche per Motorola, che lo ha introdotto
a fine 2009. Secondo un altro studio, condotto da Idc, Motorola
controlla circa l’11,7% del mercato degli smartphone in Nord
America nel primo trimestre 2010. Htc, altro importante vendor di
telefoni Android, nello stesso trimestre ha il 9,2%. Insieme questi
due produttori superano la quota di mercato attribuita ad Apple:
17,2%.

Nei prossimi mesi, Verizon dovrebbe indirizzare molte risorse nella
promozione dell’ultimo device Android, il Droid Incredible di
Htc. Ciò, secondo Npd, potrebbe anche indicare alla Apple che deve
lavorare con maggior convinzione per espandere il numero di carrier
associati al suo iPhone: oggi il Melafonino si appoggia
esclusivamente alla At&t per il mercato statunitense.