Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Banda larga, nel 2013 boom degli abbonati

Secondo In-Stat nei prossimi cinque anni gli utenti raggiungeranno quota 1 mld. Ad aumentare anche il numero di case connesse con tecnologie multiple fisso-mobile

22 Gen 2010

Gli abbonati alla banda larga in tutto il mondo arriveranno a quota
un miliardo nel 2013. Erano 578 milioni a dicembre 2009, 99 milioni
in più rispetto a dicembre 2008, secondo i dati forniti dalla
società di ricerche In-Stat. "Nel corso del 2009, si sono
abbonate ogni mese alla banda larga in media 8,8 milioni di nuove
persone in tutto il mondo”, si legge nello studio Global
Broadband Subs Approach 600 Million.

Le tecnologie leader per l’accesso alla rete sono attualmente il
Dsl, il mobile e il cavo e – secondo In-Stat – rappresentano
l’89% delle connessioni broadband a livello globale. "La
crescente popolarità delle applicazioni che richiedono molta
ampiezza di banda, come guardare video, usare i servizi telefonici
basati su Ip e scaricare files musicali, spinge la domanda di
connessioni a Internet su banda larga”, commenta l’analista di
In-Stat Mike Paxton.

La banda larga mobile, in particolare, è la seconda tecnologia di
accesso al broadband dopo il Dsl (la usano il 18% degli abbonati).
"Nei prossimi cinque anni, inoltre, aumenterà notevolmente il
numero di case con connessioni multiple alla banda larga, ovvero
abitazioni con tecnologie di accesso al broadband sia fisse, per
esempio il Dsl, sia wirelss”, afferma In-Stat.

I dati confermano le previsioni della scorsa settimana fornite da
Informa Telecoms and Media, secondo cui la crescita esponenziale
dei servizi dati farà salire anche le entrate globali dei servizi
mobili a 1000 miliardi di dollari nel 2013. "Il boom del
traffico dati è favorito dalla diffusione sempre maggiore di
tecnologie avanzate, servizi mobili broadband, nuove interfacce sui
cellulari e attente strategie sui contenuti mobili da parte degli
operatori”, commenta Informa.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link