Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Banda larga ultraveloce sui Frecciarossa

Domani l’annuncio ufficiale da parte di Fs e Telecom Italia. I servizi di connettività saranno operativi da metà dicembre sulla tratta dell’alta velocità ferroviaria Torino-Roma. E con l’infrastruttura radiomobile di nuova generazione telefonate senza interruzioni

17 Nov 2010

Chiamate via cellulare senza fastidiose cadute di linea anche in
galleria, connessione a Internet in banda larga via chiavetta Usb
oppure tramite wi-fi: taglio del nastro il 15 dicembre dei nuovi
servizi a bordo dei treni Frecciarossa ad alta velocità in viaggio
da Torino a Roma oggetto dell'accordo, siglato a febbraio
scorso, fra Telecom Italia e Ferrovie dello Stato.

L'annuncio ufficiale è atteso per domani in occasione
dell'incontro con la stampa convocato dal numero uno di Fs
Mauro Moretti e dall'Ad di Telecom Italia Franco Bernabè: i
giornalisti potranno testare "sul campo" i nuovi servizi
a bordo di un Frecciarossa in viaggio da Milano a Bologna.

Telecom Italia ha impegnato nel progetto 20 milioni di euro:
l'inizio dei lavori avviato ad aprile si concluderà, come
annunciato a febbraio scorso, entro la fine di quest'anno.

In dettaglio Telecom Italia, in collaborazione con Rfi (Rete
Ferroviaria Italiana), ha messo in opera un'infrastruttura
radiomobile di nuova generazione che a regime dovrebbe coprire i
900 km della linea AV Torino-Napoli. Al contempo i treni della
flotta Frecciarossa sono stati dotati dei sistemi tecnologici di
supporto, del sistema di ripetizione radiomobile e del cablaggio
wi-fi. "Quella che si sta per compiere rappresenta una vera
rivoluzione nel campo delle comunicazioni", hanno annunciato
le due aziende impegnate nel 2009, insieme con altri gestori di
Tlc, a testare il tracciato di rete Av per verificare le
criticità, in particolare in galleria (legate alla schermatura
delle onde elettromagnetiche) e le prestazioni della rete
radiomobile a fronte di una velocità di 300 km orari.

Oltre che su una migliore ricezione del segnale di telefonia i
passeggeri potranno contare su una serie di servizi evoluti, a
partire dalle connessioni a Internet a banda larga grazie a un
server di bordo che permetterà di accedere ad una piattaforma
dedicata, una sorta di "community on train" attraverso
cui fruire di news aggiornate in tempo reale, programmi televisivi,
film on demand, musica e video, meteo, informazione sul traffico,
giochi e servizi legati al trasporto ferroviario come la
biglietteria o la possibilità di prenotare taxi e auto a noleggio
per l'arrivo in stazione.