Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Brillano le revenue di Huawei e Zte

Pubblicate le cifre preliminari per il 2010: con un incremento del 28%, il fatturato di Huawei riduce le distanze da quello di Ericsson. Le vendite di cellulari spingono di oltre il 16% il giro d’affari di Zte

01 Feb 2011

Non si ferma la crescita dei vendor cinesi di attrezzature per le
telcomunicazioni: sia Huawei che Zte hanno riportato un robusto
aumento del fatturato nei risultati preliminari per il 2010 resi
noti oggi.

Huawei, la più grande delle due aziende, prevede che le revenues
del 2010 siano superiori del 28% rispetto a quelle del 2009 per un
totale di 28 miliardi di dollari, una cifra che la avvicina al
numero uno assoluto del network equipment, Ericsson, che ha chiuso
il 2010 con 31,1 miliardi di dollari di vendite. Huawei ha chiarito
che le sue cifre non sono state soggette a audit e che non sono per
ora disponibili ulteriori dettagli, ma, come si legge
sull’agenzia Reuters, le vendite di terminali (che includono
cellulari e chiavette Usb) sono cresciute del 22% a 4,5 miliardi di
dollari. Huawei, come Zte, ha conosciuto un discreto successo negli
ultimi mesi sul mercato americano dei cellulari, ma, come noto, si
è scontrata con l’ostruzionismo di Washington quando si è
trattato di entrare sul mercato delle infrastrutture: gli Usa
temono la presenza dei cinesi per questioni di sicurezza.

Quanto ai risultati finanziari preliminari per il 2010 di Zte, la
società, che come Huawei ha sede a Shenzen, ha calcolato che il
fatturato del gruppo derivante dalle operazioni principali è stato
di circa 10,6 miliardi di dollari, corrispondente a un incremento
di quasi il 16,7% rispetto al 2009. L’utile netto attribuibile
agli azionisti della società è stato di circa 491,3 milioni di
dollari, corrispondente a un incremento di quasi il 32,4% rispetto
al 2009, mentre gli utili per azione ammontano a 0,18 dollari.

L’aumento nel profitto netto, spiega l’azienda, si deve
soprattutto alla crescita delle vendite e al riconoscimento dei
proventi generati dalla quotazione di uno dei soci di Zte, Nationz
Technologies Inc. attraverso un’offerta pubblica iniziale.

Va ricordato che il business dei cellulari della cinese sta
conoscendo una crescita notevole: come riportato ieri dalla
società di ricerche Idc e dal sito del Corriere delle
Comunicazioni, Zte è salita nel quarto trimestre 2010 al numero 4
della classifica mondiale dei produttori di handset, grazie a 16,8
milioni di unità distribuite nel quarter, una crescita del 76,8%
anno su anno, superata solo da Apple (16,2 milioni di iPhone
distributi, crescita dell’86,2%).

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link