Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Cisco-Hp, “divorzio” in vista

Troppa concorrenza sui datacenter. Cisco vuole escludere Hp dalla lista dei rivenditori autorizzati

22 Feb 2010

Divorzio in vista per due big della tecnologia alleati da lungo
tempo: Cisco Systems ha annunciato di voler escludere
Hewlett-Packard dalla lista dei rivenditori autorizzati dei suoi
prodotti di networking. Keith Goodwin, Cisco senior vice-president,
spiega sul blog dell’azienda che le due americane sono sempre
più concorrenti nelle vendite di hardware per i data center
aziendali. Cisco ha dunque inviato comunicazione ad Hp che il suo
contratto di rivenditore autorizzato non verrà rinnovato dopo la
scadenza del 30 aprile.
La tensione tra le due aziende è cresciuta nell’ultimo anno, da
quando Cisco ha cominciato a vendere i server insieme ai switch
Internet e Hp ha iniziato a commercializzare a sua volta i switch e
a insinuarsi nel segmento low end del mercato presidiato da
Cisco.
La perdita del contratto di rivendita autorizzata danneggia
soprattutto Hp. L’azienda, che produce personal computers e
stampanti, non riceverà più sconti o accesso avanzato ai nuovi
prodotti Cisco. Quest’ultima dipende dalla rete di rivenditori
autorizzati per l’80% delle entrate e Hp ha venduto anche fino a
un miliardo di dollari di prodotti Cisco l’anno, calcola Alan
Weckel, analista di Dell'Oro group, ma secondo Adam Jura e Jens
Butler di Ovum “sembra che Hp abbia bisogno di Cisco più di
quanto Cisco abbia bisogno di Hp”.

Hp si era recentemente lamentata delle difficoltà di gestire i
clienti comuni con Cisco. “Clienti e mercato chiedono concorrenza
ma anche collaborazione tra i vendor It”, aveva detto Hp. "I
grandi player si fanno concorrenza in un settore e si alleano in un
altro, per servire meglio i clienti. Non è nell’interesse dei
consumatori assumere un atteggiamento esclusivo".
Ora Hp può certamente continuare a vendere prodotti di networking
Cisco, ma comprandoli off the shelf, non direttamente dal
produttore e perdendo così un grosso vantaggio, sottolinea Weckel,
e rischiando soprattutto di scontentare i clienti che vogliono
comprare i prodotti di networking di Cisco insieme a server e
attrezzature di storage di Hp.
Forse consapevole del danno che potrebbe subire, Hp sta cercando di
porre rimedio: l’azienda ha reso noto che sta tentando di
negoziare un nuovo accordo.