Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Con FlashLinq dispositivi “parlanti” in peer-to-peer

08 Feb 2011

In linea con il costante impegno in R&D per nuovi modelli di
connettività, Qualcomm Incorporated  presenterà i suoi ultimi
progressi nell’ambito della tecnologia wireless peer-to-peer in
occasione del Gsma Mobile World Congress, che si terrà a
Barcellona dal 14 al 17 febbraio. L’ultima innovazione
tecnologica dell’azienda, denominata FlashLinq, consente ai
dispositivi di rintracciarsi automaticamente e costantemente, e di
comunicare, in modalità peer-to-peer, a velocità da banda larga,
senza bisogno di infrastrutture di collegamento.

FlashLinq rappresenta un passo avanti rispetto al concetto noto
come “comunicazione di prossimità”, in base a cui gli utenti
di dispositivi mobili possono costantemente connettersi,
disconnettersi e comunicare direttamente fra loro a velocità
tipiche della banda larga, basandosi sulla propria prossimità
fisica. Tale tecnologia è progettata per integrare i servizi
tradizionali basati su cellulare e può essere utilizzata quale
piattaforma scalabile per nuove tipologie di applicazioni.

“Estendendo il modello dei servizi degli operatori alla frontiera
delle comunicazioni prossimali, Qualcomm continua a dimostrare la
sua leadership in fatto di tecnologia e innovazione wireless”, ha
dichiarato Ed Knapp, Senior Vice President Business Development and
Engineering di Qualcomm. “Il rintracciamento diretto e la
comunicazione distribuita di FlashLinq consentono agli operatori di
estendere naturalmente la propria rete cellulare. La tecnologia
può efficientemente supportare nuovi e avanzati servizi in aree
quali la pubblicità locale diretta, il networking geo-sociale e la
comunicazione M2M”.

FlashLinq è una tecnologia Tdd Ofdma sincrona attiva su uno
spettro in licenza dedicato e si distingue per elevati range di
rintracciamento (fino a un chilometro), capacità di
rintracciamento (migliaia di dispositivi prossimi) e gestione delle
interferenze distribuite. Abilitando il rintracciamento e la
comunicazione simultanei di migliaia di dispositivi basandosi sulla
posizione reciproca, FlashLinq può effettivamente creare un
“network di vicinato”, in cui applicazioni peer-to-peer, fisse
e mobili, possono interagire direttamente.

Qualcomm intende collaborare con SK Telecom per sperimentare
FlashLinq nella Corea del Sud ed esplorarne potenziali usi
commerciali. La tecnologia Peer 2 Peer FlashLinq di Qualcomm verrà
presentata al Fira Convention Center di Barcellona, presso lo stand
Qualcomm.