Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Dal 2010 il caricabatterie per i cellulari sarà unico

Un memorandum di intesa firmato oggi impegna i produttori a sviluppare caricatori micro-Usb compatibili

29 Giu 2009

Caricabatterie uguali per tutti i telefonini utilizzati nell’area
Ue. È l’obiettivo che si propone di raggiungere il memorandum di
intesa firmato oggi dalla Commissione europea e le imprese
produttrici di cellulari. Stando all'accordo le aziende si
impegnano ad introdurre il caricatore unico micro-Usb compatibile a
partire dal 2010. “L'incompatibilità dei carica batterie per
cellulari è un grande inconveniente per gli utilizzatori e porta a
rifiuti non necessari”, precisa la nota diffusa dalla Commissione
stessa. I nuovi standard europei saranno sviluppati anche per
assicurare l'uso sicuro delle cariche.

''Sono molto contento di constatare che l'industria sia
arrivata a un accordo che semplificherà la vita dei consumatori.
Potranno ricaricare ovunque il loro cellulare grazie al nuovo
caricatore universale – ha dichiarato il commissario europeo
all'Industria, Gunther Verheugen -. Ciò provocherà una
significativa riduzione dei rifiuti elettronici, perchè non
servirà più gettare il proprio vecchio caricatore quando si
comprerà un nuovo telefono''.

Tra i firmatari del protocollo d'accordo figurano il numero uno
mondiale dei telefoni cellulari, il finlandese Nokia, il gruppo
Sony Ericsson, i sud-coreani Samsung e Lg, gli americani Motorola,
Apple, Qualcomm e Texas Instruments, il giapponese Nec e il
canadese Research In Motion.

Ma se la maggior parte dei produttori non avrà problemi ad
adeguarsi alla richiesta di Bruxelles – molti di essi già hanno
optato per l'Usb come porta di comunicazione – potrebbe invece
averli la Apple. Il suo iPhone, infatti, ha la battieria integrata
nelle scocca. Che la Commissione decida di chiedere alla casa di
Cupertino di ridisegnare il device? Staremo a vedere.