Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

DT, nel 2010 300mila case connesse in banda larga

L’operatore tedesco punta a ridurre il divario tra aree rurali e centri urbani utilizzando un mix di tecnologia wireless-rete fissa

12 Gen 2010

Saranno circa 300.000 le abitazioni che Deutsche Telekom
connetterà alla banda larga quest’anno, grazie a un sistema di
partnership con le amministrazioni comunali favorito anche da
incentivi federali e statali. Il colosso delle telecomunicazioni ha
chiuso 720 alleanze con piccoli e grandi Comuni tedeschi e ne ha in
programma altrettante per il 2010 (di cui 50 già in fase di
approvazione).

"Proseguiremo con i nostri investimenti nelle aree rurali nel
2010”, ha ribadito Niek Jan van Damme, membro del cda di Deutsche
Telekom. "Aiutiamo a sostenere l’iniziativa del governo
federale per la diffusione della banda larga e la prevenzione del
digital divide”. Certo, Deutsche Telekom ha un market share di
circa il 50% e questo vuol dire che non può espandere la rete
completamente da sola: anche i suoi competitor sono molto
attivi.

Per creare nuove connessioni broadband, la telco tedesca userà
sempre più nel futuro un mix di tecnologie: “Se le reti fisse
sono troppo costose, prendiamo in considerazione le comunicazioni
mobili o i sistemi radio a microonde in modo da offrire Internet
ultra-veloce anche con tecnologie alternative", spiega Ulrich
Adams, che dirige le politiche per l’espansione del broadband in
Germania. Tramite l’Hspa sono possibili velocità di trasmissione
fino a 7.2 Mbit/s.

In tutto, Deutsche Telekom ha già siglato più di 1.200
partnership. Lo scopo primario è evitare il divario digitale tra
aree urbane e rurali. Le amministrazioni comunali partecipano ai
progetti coprendo alcuni dei costi, per esempio mettendo a
disposizione i cavi esistenti o occupandosi di alcuni lavori di
ingegneria: questi ultimi rappresentano il costo maggiore della
creazione di reti broadband, fino a 50.000 euro per chilometro.

Dal 1999, Deutsche Telekom ha investito circa 10 miliardi di euro
per costruire una moderna infrastruttura per la banda larga. Circa
il 96% dei suoi clienti può usufruire di velocità di trasmissione
di almeno 384 Kbit/s su rete fissa. L’azienda ha già
equipaggiato 50 città grandi e piccole con il Vdsl, che permette
velocità di trasmissione fino a 50 Mbit/s. Più di 1.000 città
sono state dotate dell’Adsl2+. Secondo la German Federal Network
Agency, il 60% delle abitazioni in Germania usa una linea broadband
– molto più che in altri grandi Paesi Ue. Nella prima metà del
2009 si contavano 24,1 milioni di linee broadband, il 91% delle
quali di tipo Dsl.