Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ericsson, 5 miliardi di dollari per gestire rete Sprint

La proprietà della rete resterà all’operatore Usa e seimila dipendenti Sprint si traferiranno in Ericsson

10 Lug 2009

Sprint, operatore telefonico Usa ha raggiunto un accordo con
Ericsson per l’esternalizzazione della rete. In base
all'accordo, Sprint pagherà a Ericsson oltre 5 miliardi di
dollari per la gestione della rete per sette anni e circa seimila
dipendenti Sprint si trasferiranno, nel terzo trimestre, in
Ericsson. Sprint, costituita attraverso la fusione di Sprint
Communications e Nextel Communications nel 2005, ha fatto sapere
che mantiene il pieno controllo delle proprie reti.

L'operazione, che si ritiene essere la più grande per la
gestione della rete mai affrontata finora, rappresenta un affare
per Ericsson e l'ultima di una serie di mosse di Sprint per
snellire le sue operazioni, arginare il calo di clienti e rimettere
a posto i conti.
Sprint, il terzo più grande operatore di telefonia mobile degli
Stati Uniti, è il primo dei grandi operatori di rete statunitensi
ad adottare il modello di gestire i servizi in outsourcing, modello
diventato in questi ultimi anni sempre più popolare tra i gruppi
di telecomunicazione mobile.

"Questo è un accordo molto importante per noi", ha
commentato Hans Vestberg, Chief Financial Officer di Ericsson, che
sostituirà Carl-Henric Svanberg in qualità di direttore esecutivo
all'inizio del 2010. Vestberg ha sottolineato che si
concentrerà sulla necessità di garantire il successo
dell’accordo con Sprint, e spera che questo porti ad offerte di
altri operatori negli Stati Uniti. Ericsson, sotto la guida di
Svanberg, pioniere del modello di servizi di gestione della rete ha
firmato più di 100 offerte con operatori di telefonia mobile, tra
cui uno di sette anni nel Regno Unito con 3, l’azienda di
telefonia mobile di Hutchison Whampoa, nel 2005. E un contratto
simile per la rete italiana. Ericsson gestisce reti che servono
più di 275 mila clienti in tutto il mondo per un ricavato che
l’anno scorso è stato pari al 7% del suo fatturato. "Si
tratta di migliorare la nostra esperienza del cliente", ha
dichiarato Steve Elfman, capo delle operazioni di rete. "Anche
se abbiamo il vantaggio di avere l'esperienza di Ericsson…
Siamo in grado di concentrare la nostra attenzione per portare loro
dispositivi, servizi, applicazioni".

Sprint ha quasi 50 mila abbonati sulla sua rete Cdma e iDen negli
Stati Uniti. Guidata dal direttore generale Dan Hesse, l’azienda
sta lottando per tornare alla salute finanziaria e arginare le
perdite dei clienti in seguito alla fusione del 2005. Sotto Hesse
dal 2007, la società ha iniziato un piano di ristrutturazione,
riducendo drasticamente la sua forza lavoro.