Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ericsson, l’Hspa “raddoppia”. Ora si viaggia a 42 Mbps

Nuovo primato mondiale per l’azienda svedese. In precedenza la velocità di connessione in mobilità sui dispositivi in commercio era di 28 Mbps

17 Dic 2009

Nuovo primato mondiale per Ericsson, che ha raggiunto i 42 Mbps di
velocità di connessione in mobilità su dispositivi già
disponibili in commercio. Lo ha fatto tramite la tecnologia Hspa,
una tecnologia di broadband mobile in continua evoluzione.

E’ la prima volta che una tale velocità viene ottenuta su
prodotti commerciali: fino ad ora il picco più alto che era stato
raggiunto si attestava sui 28 Mbps. Una delle aziende leader nel
broadband mobile era Telstra, oggi soppiantata dall’enorme passo
in avanti compiuto da Ericsson. Michael Rocca, Chief Operations
Officer provvisorio di Telstra, commenta così: “ La Ngn di
Telstra ha già cambiato il modo di vivere e di lavorare degli
australiani con la sua velocità, qualità ed estensione. Quel che
stiamo scoprendo con Hspa è una soluzione broadband mobile
superveloce che, quando saranno a disposizione dispositivi
compatibili, darà una significativa velocità e miglioramenti in
qualità ed efficienza sulla rete”.

“Recenti studi dimostrano che i consumatori desiderano una
velocità di connessione sempre maggiore e scelgono gli operatori
che offrono le migliori performance a prezzi convenienti; – chiosa
dal canto suo Ulf Ewaldsson, Vp e capo dell’area prodotti di
Ericsson – Hspa di Ericsson a 42 Mbps è pronta per
l’implementazione e questo traguardo consentirà agli operatori
di telefonia mobile di migliorare l’esperienza di navigazione dei
consumatori, abilitando l’accesso istantaneo alla nuova
rete”.

La nuova tecnologia può essere implementata solo aggiornando il
software e raddoppia la velocità per tutti gli utenti, in
qualsiasi cella della rete mobile si trovino, quindi anche per
coloro che si trovano ai bordi della cella, dove le performance
solitamente peggiorano.