Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Esa, un milione alle nuove idee sulla navigazione satellitare

Saranno premiate con 10mila euro le neo-imprese più innovative dall’European satellite navigation competition dell’Agenzia spaziale europea

12 Mag 2010
Un milione, complessivamente, alle start up che sapranno dare
nuove idee per applicazioni e servizi relativi alla navigazione
satellitare. E' pronta ad assegnarlo l'Agenzia spaziale
europea (Esa) con l’European satellite navigation competition
(Esnc) dell’Agenzia spaziale europea (Esa) che, quest’anno,
assegnerà un premio speciale di 10 mila euro per la migliore
start up presso uno dei suoi quattro centri di incubazione.
Giunta alla sua settima edizione, la competizione promossa
dall’Esa ha visto nascere migliaia di nuove idee per
applicazioni e servizi nell’ambito della navigazione
satellitare “molte delle quali si sono già tradotti in nuovi
business in Europa”, come spiega Frank M. Salzgeber, capo del
Ttpo, l’Ufficio per il programma di trasferimento tecnologico
dell’Esa.

Intanto, alla vigilia del primo compleanno in orbita,
l’osservatorio spaziale Herschel porta a casa nuove
spettacolari immagini che mostrano particolari finora sconosciuti
del processo che dà vita a nuove stelle. E’ un’immagine in
particolare a catturare l’attenzione dei ricercatori
dell’Agenzia spaziale europea: il potente occhio del telescopio
ha infatti catturato l’embrione di una nuova stella molto
speciale, chiamata “Rcw 1202, definita dagli scienziati
“impossibile” e candidata a diventare una delle stelle più
grandi e luminose della nostra galassia entro alcune centinaia di
migliaia di anni. Herschel è il primo osservatorio astronomico
spaziale dell’Esa  e l’Italia contribuisce al 13% circa,
attraverso l’Agenzia spaziale italiana, mentre l’attività è
svolta in gran parte nelle sedi dell’Istituto nazionale di
astrofisica (Inaf) di Arcetri, Roma, Padova e Trieste e presso il
dipartimento di Astronomia delle Università di Padova e Trieste.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link