Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Firenze Mia, la app del Comune al debutto

13 Giu 2013

Si chiama Firenze Mia la prima app su misura per i cittadini del capoluogo toscano. Realizzata da Engineering per il Comune di Firenze e finanziata dal Dipartimento per gli Affari Regionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la app scaricabile da smartphone e tablet consente la gestione dei servizi e delle informazioni su misura per i cittadini. Da oggi è disponibile è scaricabile da Apple Store e Google Store nella duplice versione per iPhone e per i device con sistema operativo Android.

L’applicazione conferma la volontà del Comune di caratterizzare la propria progettualità mettendo al centro l’utente/cittadino e rendendolo protagonista di tutte le fasi della relazione ente-utente, attraverso uno spazio telematico nato per facilitare un dialogo personalizzato tra il cittadino e le strutture, in cui trovare sia le informazioni di relazione istituzionale con il Comune (attraverso le funzioni le Mie pratiche, le Mie scadenze, i Miei impegni, i Miei dati amministrativi e catastali) – sia di relazione, attraverso la funzione il Mio territorio.

I residenti del Comune di Firenze, una volta scaricata l’applicazione e completato l’iter di rilascio delle credenziali di accesso (log-in) da parte del Comune, hanno accesso ad una serie di servizi profilati, configurabili liberamente dall’utilizzatore in base alle proprie preferenze ed interessi. Da quel momento, i contenuti e i servizi presenti in Firenze Mia verranno automaticamente proposti e valorizzati a seconda del profilo prescelto. Gli stessi servizi saranno resi fruibili anche tramite applicazione Web direttamente sul proprio personal computer.

Con Firenze Mia si è creato un mini-hub mobile per l’e-government nel quale l’utente finale potrà ritrovare tutti i servizi e le modalità di interazione con la Pubblica Amministrazione, quali iscrizioni, pagamenti, prenotazioni, pratiche amministrative.

“Anche in questo caso – ha detto Orazio Viele, Chief Technology Officer di Engineering – la nostra azienda ha saputo interpretare al meglio le necessità del cliente, che in questo caso sono tutti i cittadini di Firenze, proposte dal loro Comune. Questa collettività ha ora la possibilità di un rapporto diretto, personalizzato, non mediato e sempre disponibile con quelle parti dell’amministrazione che di volta in volta sono di utilità o necessità. Solo un uso non invasivo e facilmente utilizzabile della tecnologia può consentire un livello di servizio capillare e personalizzato di questo tenore. Siamo certi che l’ottimo esempio fornito dal Comune di Firenze in questa direzione potrà essere ampliato da altre amministrazioni all’avanguardia nel rapporto con i propri cittadini. Il percorso che porta a città intelligenti (Smart Cities) che gestiscono assieme ai propri cittadini la complessità della vita collettiva, passa anche da questo tipo di realizzazioni, per le quali oggi vediamo un bell’esempio e delle ottime prospettive”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

E
engineering
O
orazio viele