Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

France Telecom, torna l’incubo suicidi

Un dipendente si è dato fuoco questa mattina a Bordeaux. La società allestisce una “task force” di psicologi

26 Apr 2011

Un dipendente di France Telecom-Orange di 57 anni si è suicidato
questa mattina dandosi fuoco in un parcheggio nei pressi di
Bordeaux. Lo ha annunciato la direzione del gruppo alla France
Presse.

"Siamo sconvolti nell'apprendere la notizia del decesso di
un lavoratore dipendente dell'agenzia professionale di Bordeaux
che ha messo fine ai suoi giorni immolandosi con il fuoco questa
mattina sul parcheggio nel parcheggio dell'agenzia di
Merignac", ha detto la direzione del gruppo.

"I soccorsi giunti sul posto non hanno potuto che constatare
il decesso di questo lavoratore dipendente di 57 anni", ha
precisato ancora l'azienda, che ha aggiunto di avere allestito
una cellula psicologica. Ha inoltre indicato lo spostamento
"immediato" sul posto del direttore esecutivo di Orange
France, Delphine Ernotte, e del direttore delle risorse umane Bruno
Metling.

France Telecom è stata funestata da una crisi sociale di notevole
portata dopo un'ondata di suicidi di lavoratori dipendenti; tra
il 2008 e il 2010 si sono tolti la vita 58 addetti. La
"colpa" secondo i sindacati sarebbe da attribuire al
nuovo sistema di gestione istituito a partire dal 2004 per
incentivare all'esodo 22mila lavoratori dipendenti in tre anni.