Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'OPERAZIONE

Proroga frequenze 5G, lo Stato passa all’incasso: Go Internet versa 2,7 mln

L’operatore effettua il pagamento anticipato dei contributi per estendere i diritti d’uso fino al 2029 nella banda 3,4-36 Ghz. L’ad Frizzoni: “Più certezze per implementare il piano industriale”

14 Gen 2019

Proroga frequenze 5G, lo Stato passa all’incasso. Go Internet rende noto di avere effettuato il pagamento anticipato e in un’unica soluzione, come richiesto dal Mise, dei contributi per la proroga dei diritti d’uso sulla banda 3.4-3.6 GHz nelle Regioni Marche ed Emilia Romagna.

L’importo dei contributi è stato determinato in base ai parametri indicati da AGCom con apposito parere (Delibera 183/18/CONS) e per GO internet ammonta a circa 2,7 milioni di euro. Il pagamento, con termine ultimo fissato dal Mise in data 31 gennaio 2019, rappresenta l’elemento sostanziale per ottenere la proroga fino al 2029 dei diritti d’uso delle frequenze 5G.

il 5G, scrive l’operatore, “permetterà di collegare ad alta velocità ogni cosa rendendo reali molti di quei progetti che oggi sono solamente sulla carta. Grazie al 5G gli utenti potranno contare sempre su di un’altissima banda a disposizione con una bassissima latenza. Si pensi, per esempio, alle auto connesse, alla digitalizzazione delle infrastrutture stradali, all’Internet of Things, alle smart home, alle smart city ed a tutte le tecnologie che richiederebbero una costante presenza di una rete a banda larghissima per funzionare”.

Il Mise ha stabilito di concedere la proroga dei diritti per 40 MHz in una banda così pregiata per lo sviluppo del 5G dopo un procedimento complesso e non senza conflitti, iniziato dopo la presentazione di apposita istanza a ottobre 2017 e che ha visto anche lo svolgimento di un’apposita consultazione di mercato da parte dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

“La proroga dei diritti in banda 3.4-3.6 GHz permette a GO internet di avere l’orizzonte temporale necessario a implementare il piano industriale: vogliamo candidarci fra i promotori dello sviluppo e della diffusione dei servizi 5G, confermando l’attitudine della società a investire per l’innovazione e a favore dei consumatori” ha commentato Alessandro Frizzoni, Amministratore Delegato di GO internet.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

5
5g
G
go internet
M
mise
P
proroga frequenze

Articolo 1 di 5