Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Gli “androidiani” contro iPhone. Guerra aperta sugli smartphone

Secondo gli analisti l’Os di Google entro il 2012 salirà al 18% a partire dal 1,6% di quest’anno

26 Ott 2009

Ormai fra iPhone e cellulari basati su Android è guerra: il
sistema operativo made-in-Google, in un solo anno, è passato
dall'essere usato da un unico carrier con un solo device a 12
modelli con 32 compagnie in 26 paesi diversi. Numeri migliori delle
aspettative, destinati ad aumentare ancora nei prossimi mesi,
soprattutto sul mercato americano, con i nuovi modelli di Htc,
Motorola e Samsung, che arriveranno prima di Natale grazie al
supporto di big come Verizon e Sprint.

La situazione è così competitiva che proprio la Verizon,
agguerrita rivale di AT&T che ha in concessione l’iPhone sul
mercato statunitense, ha lanciato una campagna pubblicitaria contro
il telefonino della Apple: per il lancio di Droid, il nuovo modello
con cui Motorola vuole invertire un trend che da anni la ha
penalizzata, è stata pensato uno spot che mette in evidenza ciò
che l’iPhone non fa. “Non ho una vera tastiera, non uso più
applicazioni contemporaneamente, non faccio foto a 5 megapixel, non
ho batterie interscambiali”, ironizza la pubblicità, per poi
concludere “Tutto ciò che iDon’t (non faccio), Droid lo fa”.
E che l’utilizzo di Android “stia letteralmente per
esplodere” lo ha certificato addirittura Eric Schmidt, il Ceo di
Google, che proprio pochi mesi fa si è dimesso dal board della
Apple prevedendo questo scoppio della concorrenza fra le due
multinazionali.

E in effetti, per i produttori che vogliono spezzare l’oligopolio
Rim-Nokia-Apple, che controlla due terzi del mercato americano e
l’80% circa di quello mondiale, Android sembra essere l’unica
risposta possibile. Secondo Gartner, l’Os di Mountain View entro
il 2012 salirà al 18% a partire dal 1,6% di quest’anno. Una
market share che lo porterebbe davanti a quelle previste per Rim e
Apple, rispettivamente del 13,9 e del 13,6%.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link