Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Gli Olo a Telecom: “Porti il suo piano Ngn al governo”

In occasione dell’incontro con il commissario Ue Neelie Kroes, Bertoluzzo (Vodafone), Parisi (Fastweb) e Gubitosi (Wind) “invitano” nuovamente l’ex incumbent a prendere parte al tavolo sulla fibra. “Il nostro progetto in linea con gli obiettivi della Ue”

14 Giu 2010

E' "positivo" che Telecom Italia abbia presentato il
nuovo piano per fare arrivare la fibra ottica al 50% della
popolazione entro il 2018 ma ora "è necessario che la
società  lo porti al tavolo aperto dal governo in modo da
verificare la possibilità di "avere un progetto comune".
E' questa la posizione espressa da Fastweb, Vodafone Italia e
Wind, i cui ad, Stefano Parisi, Paolo Bertoluzzo e Luigi Gubitosi,
hanno incontrato oggi la commissaria Ue alle tlc Neelie Kroes.

I tre hanno presentato oggi al commissario europeo per l'Agenda
Digitale il progetto per dotare l'Italia di un'unica
infrastruttura di rete in fibra. Il piano si basa sulla copertura
delle 15 maggiori città italiane entro cinque anni con un
investimento di 2,5 miliardi di euro. In una seconda fase il piano
potrà essere ampliato a coprire le città con più di 20mila
abitanti, raggiungendo in questo modo il 50% circa della
popolazione italiana con un investimento complessivo di 8,5
miliardi di euro.

Parisi, Gubitosi e Bertoluzzo hanno puntualizzato che il loro piano
si inserisce "coerentemente" negli obiettivi strategici
posti dalla Ue sullo sviluppo della banda larga. In settimana
e' previsto un tavolo con tutti gli operatori al ministero
dello sviluppo economico.
Secondo Parisi "è necessario chiarire rapidamente il quadro
delle regole per l'operazione per far partire gli
investimenti".