Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Google, i veterani di Wall Street al lavoro per potenziare i ritorni sul cash

Il colosso di Mountain View ha aperto il proprio trading floor, per creare un portafoglio di investimenti più remunerativo a partire da un patrimonio di 26,5 mililardi di dollari. Obiettivo: prepararsi a nuove opportunità di merger-and-acquisition

31 Mag 2010

Tutto è cominciato lo scorso autunno, quando sul sito di Google,
accanto agli usuali annunci per assumere ingegneri e programmatori,
sono apparse richieste per trader e analisti di portafoglio. Che
cosa aveva in mente Google è risultato chiaro nei mesi successivi:
il colosso di Mountain View ha lanciato il proprio trading floor
per gestire un patrimonio di 26,5 miliardi di dollari in contanti
(il terzo più sostanzioso tra le tech company americane, dopo
Microsoft e Cisco) e realizzare investimenti a breve termine.

Come spiega il Business Week, uno degli obiettivi di Google è
migliorare il rendimento dei suoi soldi, finora gestiti in modo
molto prudente. Parte del denaro sarà usato anche per
un’operazione di buy back sulle proprie azioni, necessario dopo
l’acquisizione di AdMob per 750 milioni di dollari, da
effettuarsi tutta tramite cessione di azioni.

Ma non solo. Gli osservatori pensano che Google si prepari a nuove
acquisizioni. "Google potrebbe chiudere dieci accordi come
quello tra Hp e Palm”, secondo Michael Yoshikami, presidente e
chief investment strategist della Ycmnet Advisors, che possiede
azioni di Google. "E sarebbe un modo sensato di usare i propri
soldi”.

La piattaforma di trading di Google ha aperto a gennaio. Il
progetto è di far crescere il proprio patrimonio in modo sicuro, e
tenerlo pronto per eventuali operazioni di merger-and-acquisition,
se dovesse presentarsene l’opportunità. Il team di investitori
al servizio di Big G è forte di 30 persone, e molte arrivano
direttamente da Wall Street: hanno lasciato brillanti carriere alla
Goldman Sachs, JPMorgan Chase e banche simili. Responsabile del
gruppo è Brent Callinicos, 44enne tesoriere di Google.

"Non dobbiamo cercare di fare soldi velocemente, il nostro è
un lavoro di pazienza”, dice Callinicos. Di pazienza, ma molto
piacevole: il team lavora in un edificio appena rimesso a nuovo nei
quartier generali di Mountain View, California, dove le pareti sono
state dipinte con paesaggi tropicali e dove sono a disposizione
sedie ergonomiche e strutture per attività sportive per il tempo
libero.

In una stanza a parte, dove si accede tramite key card, gli
investitori di Google lavorano su sei computer su cui gira un
sistema che controlla il 98% delle proprietà dell'azienda in
tempo reale, dandone in ogni momento l’esatto valore. Così è
più facile prendere la giusta decisione e costruire un portafoglio
lievemente più rischioso ma molto più redditizio. E Callinicos,
assicura Wolfgang J. Koester, ceo di FiREapps, produttore di
software per la finanza, “in questo è un vero leader”.