Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Gran Bretagna, O2 stacca la linea a chi “abusa” di banda

Addio a Internet no limits, tariffe diversificate per quantità di Giga. Ma per chi non rispetta le regole disconnessione automatica

07 Set 2010

Fine dell’era della tariffa flat per l'Adsl? Gli operatori
telecom, di fronte al famelico utilizzo di banda dei loro utenti,
cominciano ad adottare strategie più oculate nei loro abbonamenti.
Il banco di prova è ancora una volta il mercato britannico, dove
diversi provider stanno sperimentando nuove proposte per i loro
clienti. Non fa eccezione la spagnola Telefonica, presente nel
Regno Unito tramite O2 e che ha deciso di porre delle limitazioni
ai piani tariffari flat di banda larga per il mercato
domestico.

Le restrizioni, come spiega El Pais, sono di due tipi: viene
fissato un tetto ai dati che si possono scaricare da Internet (20
gigabytes) oppure viene introdotta nel contratto una clausola di
"politica di uso ragionevole”, il cosiddetto fair use, che
concede al provider l’opzione di tagliare l’accesso agli
abbonati che fanno un abuso del servizio, per esempio con un
download massiccio di files pesanti su reti peer to peer.

Il mercato spagnolo guarda con attenzione le mosse di Telefonica in
Gran Bretagna, chiedendosi se la Spagna sarà la prossima a vedersi
porre limitazioni alla “tarifa plana”. La filiale britannica O2
giustifica la sua decisione sostenendo che la maggior parte dei
suoi utenti gode di un piano tariffario con velocità di
connessione molto superiori a quelle di cui ha realmente bisogno.
O2 si fa forte di uno studio effettuato tra 2.000 consumatori, che
indica che la media degli abbonati ha contratti per una velocità
di 20 Mbps ma ne usa solo 8 Mbps.

Con il nuovo sistema, i clienti che si limitano alle normali
operazioni di posta elettronica e navigazione Internet con un
download mensile di dati fino a 20 GB possono accedere alla tariffa
base di 20,5 sterline al mese, o 24,5 euro. Chi fa un uso intensivo
della rete dovrà invece abbonarsi alle tariffe The All Rounder
(quasi 30 euro) o The Works (39 euro): per loro il download è
illimitato ma soggetto alla politica del fair usage. Il contratto
di O2 precisa che si tratta di una policy volta a evitare qualunque
attività illegale, come diffusione di virus e di materiale
piratato o spam. Una piccola nota informa che per l’abbonamento
The All Rounder si considera che 100 GB mensili siano un limite
equo, per The Works si può salire a 250 GB.

Chi ha il tetto di 20 GB e li supera, o chi è soggetto alla
politica dell’uso ragionevole e non la rispetta, riceve un avviso
dall’azienda. Se l’abbonato è recidivo, O2 può riservarsi il
diritto di tagliare l’accesso a Internet.