Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

IL PROGETTO

Hp scelta dalla Commissione Ue per la sicurezza nel cloud

Un progetto cloud CoCo guidato dall’azienda con la partecipazione del Cnr e altri partner del mondo accademico e industriale permetterà di mettere in sicurezza i processi verso il mercato unico europeo digitale

27 Mar 2014

Patrizia Licata

Hp è stata scelta dalla Commissione europea per coordinare il progetto CoCo (confidenziale e conforme) Cloud, finalizzato a garantire agli utenti sicurezza e riservatezza nella condivisione dei dati su cloud. Allineato alle più recenti strategie della Commissione che mirano a fare dell’Europa un mercato unico per il cloud computing, il progetto CoCo Cloud fornirà un framework flessibile e conforme dal punto di vista legale per proteggere lo scambio di dati su cloud fra utenti finali.

“L’obiettivo del progetto CoCo Cloud è quello di gettare le basi per lo sviluppo di un modello di sicurezza per il cloud”, ha affermato Jakub Boratynski, Responsabile della Trust & Security Unit di Dg Connect, Commissione europea. “Il progetto permetterà di risolvere i problemi legali e di regolamentazione tra i paesi dell’Ue per garantire un controllo approfondito e una protezione costante dei dati sensibili attraverso soluzioni che si adattano al contesto. Mano a mano che la fiducia nel cloud aumenta, cresce anche la fiducia degli utenti nei servizi su cloud a vantaggio generale dell’economia digitale e della società in generale”.

Sotto la guida di Hp, il consorzio del progetto CoCo Cloud elaborerà una soluzione end-to-end sicura, che si estenderà dagli archivi di dati ai dispositivi degli utenti (mobili o fissi) e viceversa, con regole definite dagli utenti per la conservazione, la condivisione e l’accesso ai dati. Inoltre, permetterà la negoziazione fra provider di servizi cloud e utenti finali, in modo da soddisfare le loro esigenze in termini di sfruttamento delle capacità del cloud.

Hp avrà il ruolo di coordinatore e responsabile dell’integrazione, ma il consorzio del progetto CoCo Cloud vede la partecipazione di molti partner del mondo accademico, come il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) italiano, l’Università di Oslo e l’Imperial College di Londra e del mondo dell’industria, come Atos, che lavoreranno insieme per offrire soluzioni complete per gli utenti finali Agenzia per l’Italia Digitale (Agid) e Grupo Hospitalario Quiron. Le ricerche legali e il confronto delle politiche internazionali saranno condotti dall’Università di Oslo e da Bird&Bird.

Per semplificare la distribuzione dei servizi, ridurre i rischi operativi e ottimizzare il carico di lavoro fra i provider di cloud, il framework CoCo Cloud sarà ospitato sulla piattaforma aperta, sicura e flessibile Hp CloudOS basata su tecnologia OpenStack.

CoCo Cloud contribuirà a soddisfare il bisogno diffuso di protezione nell’utilizzo dei dati attraverso i servizi cloud, superando i limiti delle attuali offerte tecnologiche”, ha dichiarato Xavier Poisson Gouyou Beauchamps, Vice President Hp Cloud Emea. “Delle 75 proposte di ricerca nell’area dell’affidabilità e della sicurezza sottoposte alla Commissione europea, solo 12 saranno adottate e CoCo Cloud è fra queste”.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link