Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

I 100 mega di Telecom Italia sbarcano a Venezia

Nel corso dell’anno saranno cablate in fibra oltre 3mila unità immobiliari nei quartieri di Centro, Mestre e Carpenedo. Obiettivo 9 mila nel 2012. Bernabè: “Siamo motore dell’innovazione sul territorio”

01 Feb 2011

Telecom Italia avvia la realizzazione a Venezia della rete
ultrabroadband di nuova generazione in fibra ottica. L’annuncio
è stato dato oggi alla presenza di Giorgio Orsoni, Sindaco di
Venezia, Marialuisa Coppola, assessore all'Economia e Sviluppo,
Ricerca e Innovazione della Regione Veneto, Paolo Baratta,
Presidente della Biennale di Venezia, Franco Bernabè,
Amministratore Delegato di Telecom Italia, Oscar Cicchetti,
Direttore Technology & Operations di Telecom Italia e Roberto
Saracco, Direttore Future Centre di Telecom Italia.

“Telecom Italia vuole essere il motore dell’innovazione sul
territorio – spiega Franco Bernabè, Amministratore delegato di
Telecom Italia – La competitività di un sistema territoriale è
infatti sempre più legata alla sua capacità di vivere in rete, di
sviluppare i suoi nuovi usi e le nuove economie. La realizzazione
di infrastrutture ultrabroadband e soprattutto la diffusione dei
servizi che esse abilitano possono dare un impulso importante ad
una crescita economica sostenibile del Paese e al miglioramento
della qualità della vita dei cittadini”.

A partire dalla prossima settimana un primo gruppo di clienti di
Telecom Italia potrà iniziare a sperimentare connessioni a 100
Megabit al secondo che rendono molto più performanti gli attuali
servizi a larga banda e abilitano nuove generazioni di applicazioni
come ad esempio la Tv ad alta definizione, la telepresenza, i
servizi di cloud computing per le imprese e servizi per una città
intelligente come la sicurezza e il monitoraggio del territorio,
l’infomobilità e le reti sensoriali per il telerilevamento
ambientale.

Telecom Italia collegherà a Venezia con la fibra, nel corso del
2011, oltre 3 mila unità immobiliari nei quartieri di Centro,
Mestre e Carpenedo, che diventeranno oltre 9 mila entro il 2012. Il
piano di sviluppo prevede la copertura, entro il 2016, delle
principali aree del territorio comunale, con circa 140 mila unità
immobiliari raggiunte dalla rete di nuova generazione in fibra
ottica, pari a circa 270 mila cittadini. La commercializzazione dei
servizi a 100 Megabit disponibili sulla nuova rete in fibra ottica
sarà avviata al termine della sperimentazione e subordinatamente
all'approvazione dell'offerta da parte dell'Autorità
di settore.

Lo sviluppo della rete di accesso di nuova generazione affiancherà
la rete esistente, ma in prospettiva si avrà una rete
completamente rinnovata in grado di garantire il trasporto ottimale
delle diverse tipologie di traffico (dati, video, voce) che hanno
requisiti molto differenti in termini di richiesta di banda.

Per dare impulso alla nuova infrastruttura, Telecom Italia e
l’amministrazione comunale hanno firmato oggi un Memorandum
d’Intesa che ha l’obiettivo di favorire la realizzazione di una
rete Ngn nella città di Venezia, valutando l’utilizzo sinergico
delle infrastrutture a disposizione delle parti e attraverso
l’impiego di tecniche innovative che possono permettere la
riduzione dei tempi e dei costi di intervento, garantendo nel
contempo un basso impatto ambientale.
L’accordo prevede in particolare la costituzione di un Comitato
Tecnico Paritetico (Ctp) costituito dai rappresentanti di entrambe
le Parti firmatarie e che avrà il compito specifico di affrontare
tutte le problematiche connesse alle attività impiantistiche per
la posa della rete Ngn, compreso l’utilizzo, ove possibile, delle
infrastrutture civili esistenti.

Questa iniziativa si inserisce nel piano di investimenti sulla
fibra di Telecom Italia per la realizzazione della rete Ngan (Next
Generation Access Network) che prevede di rendere disponibili i
collegamenti in fibra in nove città italiane entro il 2011, in 13
città entro il 2012, per arrivare al 50% di copertura della
popolazione e 138 città entro il 2018.