Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Il dopo-Draka di Prysmian punta a Francia e Montenegro

Archiviata con successo l’acquisizione della società olandese, la società italiana dei cavi in pole position per tre commesse: interconnessione Sardegna-Corsica, con i Balcani e con Parigi

16 Feb 2011

Prysmian (ex Pirelli Cavi) non si ferma e dopo l’acquisizione
dell’olandese Draka fa rotta su Francia e Montenegro. Lo scrive
Milano Finanza, precisando che secondo gli analisti di Equita
l’azienda italiana dei cavi sarebbe in pole position per
l’assegnazione di tre commesse, sulle ali del piano strategico
recentemente annunciato da Terna.

In particolare, Prysmian sarebbe in lizza per l’assegnazione
dell’interconnessione Sardegna-Corsica (cavo da 318 km), quella
Italia Montenegro (cavo da 450 km) e quella Italia-Francia,
commesse per un valore complessivo di 900 milioni di euro e un
impatto positivo sull’Ebitda di 175 milioni di euro.

Intanto, l’olandese Draka ha chiuso il 2010 in positivo, con un
utile netto di 4,6 milioni di euro, a fronte del rosso di 18
milioni del 2009. I ricavi si sono attestati a 2,4 miliardi di
euro, in aumento del 18%, mentre l’utile operativo a 85,4 milioni
di euro è aumentato del 13%.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link