Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L’Umbria investe sul Wi-Fi: 150mila euro per hot spot pubblici a Terni e Perugia

L’annuncio dell’assessore alle Infrastrutture tecnologiche Stefano Vinti: “Portiamo i cittadini fuori dall’analfabetismo digitale”

04 Nov 2011

L'Umbria scommette sul wi-fi. La giunta regionale guidata da
Catiuscia Marini metterà a disposizione 150mila euro per
realizzare a Perugia e Terni nuove reti di centri di accesso ad
Internet, i cosiddetti ''hotspot wi-fi pubblici''.
Lo stesso modello, con altri finanziamenti, sarà possibile poi
replicarlo anche in altre città dell'Umbria: ad annunciarlo
l'assessore alle Infrastrutture tecnologiche Stefano Vinti.

Secondo Vinti, ''dare valore all'accesso gratuito ad
internet vuol dire assumere l'obiettivo di portare i cittadini
fuori dall'analfabetismo digitale, in Italia ancora assai
diffuso. Questo nuovo passo in Umbria ha come obiettivo
l'accesso, tramite tecnologia wireless, a Internet e ai servizi
online della pubblica amministrazione, diffusa nelle aree urbane.
Si intende così rispondere ad un'esigenza di attrattività del
territorio, aumentando l'efficacia di comunicazione dei portali
istituzionali, con possibilita' di accesso ai servizi
informativi su mobilità, turismo, valorizzazione del patrimonio
culturale e ambientale, erogati online e fruibili attraverso
l'uso di smartphone, pc portatili o altri dispositivi
mobili''.

''Questa iniziativa – conclude Vinti, in un comunicato
della Regione – si muoverà in sinergia con attività analoghe
sviluppate a livello nazionale, nell'ottica delle reti
federate, condividendo soluzioni per la copertura wi-fi di aree
pubbliche, come servizio ai cittadini e alle imprese''. Il
soggetto a cui affidare le forniture e i servizi accessori
necessari all'allestimento degli hotspot, lo sviluppo del
sistema di management, l'interconnessione e l'esercizio
dell'intero sistema, verrà individuato attraverso una gara
pubblica bandita da Centralcom.