Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La prima volta di Ericsson con un broadcaster

Accordo con l’emittente scandinava TV4 nel segno della convergenza tra Tlc e media. “Le emittenti tv sono i nostri prossimi clienti”, dice il Ceo entrante Vestberg

18 Nov 2009

Convergenza tra media e telecomunicazioni: è questo il futuro in
cui crede Ericsson, che ha appena annunciato il suo primo accordo
con un’azienda televisiva, la TV4, uno dei maggiori broadcaster
della Scandinavia. Il contratto, decennale, prevede che la Ericsson
fornisca servizi per le trasmissioni tv al suo partner e apre al
primo fornitore mondiale di infrastrutture telecom un nuovo
potenziale mercato proprio mentre la concorrenza si fa più
agguerrita nel suo core business, il wireless networking.

"Telecomunicazioni e media si stanno sempre più avvicinando,
perciò questo accordo ci sembra un passo naturale”, ha
commentato Hans Vestberg, Ceo entrante Ericsson. "Nella nostra
vision, le emittenti tv sono i nostri prossimi clienti”.
L’accordo è in linea con la strategia del provider svedese che
punta sempre più sui servizi (già rappresentano circa il 40% del
suo giro d’affari), per ridurre la dipendenza dalle attrezzature
di rete.

In base al contratto con TV4, Ericsson si occuperà di trasmettere
tutti i canali dell’emittente, sia gratis che di pay-tv, in
Svezia e Finlandia. Il vantaggio per l’emittente, come ha
sottolineato il Ceo Jan Scherman, è il risparmio sui costi.
Inoltre, si libereranno risorse per “concentrarsi di più sui
contenuti”, secondo TV4. “Questa partnership è la prima nel
suo genere che coinvolga l’industria del broadcasting. Ericsson
rafforza le sue competenze in servizi per le emittenti tv e si
propone come partner ideale per le aziende dei media”, ha
aggiunto Mikael Bäckström, capo dei mercati Nordico e Baltico
della Ericsson. “E’ una scelta strategica per noi che vediamo
nel prossimo futuro la convergenza di telecom, media e
internet".