Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Lte, in Australia via ai test in quattro città

Il Paese spinge sulla quarta generazione, ma secondo un’indagine di Market Clarity il broadband mobile è troppo caro. Come riusciranno i carrier a fare profitti quando gli utenti chiedono una decurtazione sensibile delle tariffe?

25 Mag 2011

La banda larga mobile costa troppo. E non è un modo di dire: la
società di ricerche Market Clarity ha calcolato che il mobile
broadband in Australia può costare fino a 1.333 volte più del
broadband fisso per ogni Gb di dati scaricati. L’introduzione nel
2010 di tetti molto alti nei piani tariffari del broadband fisso
(fino a 1 Terabyte al mese di download) non ha fatto che allargare
la forbice dei prezzi, secondo gli analisti.

Il dato, contenuto nel nuovo Cost of mobility report, è stato
ottenuto studiando le tariffe attuali di Telstra, Optus, Vodafone e
3 di Hutchison in Australia e mettendo a confronto il prezzo più
basso per Gb offerto nei piani tariffari per la banda larga fissa e
il prezzo più alto per Gb imposto nei piani per la banda larga
mobile.

“Può sembrare naturale che la mobilità costi di più del
servizio di banda larga fissa, ma è scioccante vedere quanto di
più”, affermano gli analisti. Dati alla mano, a marzo 2011 il
prezzo minimo post-pagato (con contratti da 12 a 24 mesi) del
mobile broadband per Gb è di 1,66 dollari, il prezzo medio è di
5,27 dollari e il prezzo massimo arriva a 24,88. Sfavoriti i
clienti pre-pagati del mobile broadband (senza contratto): si va da
un minimo di 9,67 dollari per Gb, a una media di 16,67 fino a un
massimo di 80 dollari.

“Ma il gap tra clienti post-pagati e pre-pagati sembra
insignificante se confrontato con la forbice con i clienti della
banda larga fissa”, continua il report, dove si legge che il
prezzo minimo per l’Adsl è di 0,06 dollari per Gb, la media è
di 0,30 dollari e il massimo 9,98 dollari.

“Gli operatori di rete continueranno a ricevere pressioni dai
loro shareholder per accrescere i guadagni che realizzano dai
servizi broadband e risolvere il conflitto tra la necessità di
soddisfare le aspettative dell’utente di avere servizi sempre
più veloci e il pesante costo dell’aggiornamento delle reti”,
spiega Market Clarity. “Si apre così un vero dilemma, perché le
tariffe della banda larga fissa continuano a scendere e la
capacità dati aumenta, per cui l’utente si aspetta lo stesso sul
mobile”.

I fattori in gioco rischiano di essere ulteriormente modificati con
l’arrivo della nuova rete di ultra-broadband che il governo
australiano sta costruendo (la Nbn); intanto il principale
operatore australiano, Telstra, ha attivato, per ora solo per i
test, i servizi mobili 4G (Lte) in quattro aree metropolitane
(Sydney, Melbourne, Perth e Brisbane), confermando che saranno
commercialmente disponibili entro fine anno.

"Si tratta dei primi test in Australia su una rete integrata
che usa lo spettro dei 1800MHz e l’inizio della nostra fase di
roll-out”, ha affermato Mike Wright, executive director delle
network and access technologies di Telstra. Chi possiede modem e
cellulari compatibili con la frequenza dei 1800 MHz può già
usarli, gli altri dovranno aspettare una più ampia disponibilità
di device compatibili.

Anche le concorrenti Optus e Vodafone Hutchison Australia hanno in
programma il lancio di servizi Lte nella banda dei 1800MHz, ma non
hanno stabilito alcuna data. “Molti carrier aspettano a investire
pesantemente nell’Lte e cercano invece di trarre il massimo dalle
reti 3G esistenti su cui hanno speso molto”, spiega il senior
analyst di BBY, Mark McDonnell. "I costi del 4G sono alti e
gli operatori dovrano anche comprare altro spettro nei prossimi
anni”.