Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Mobile roaming: la Ue pronta a tagliare le tariffe del 40%

La nuova proposta della Commissione europea punta a un tetto di 0,24 centesimi al minuto per le chiamate oltreconfine da luglio 2014. Grossa sforbiciata anche al prezzo per il download dei dati: si passerà a 0,90 centesimi per Mb dagli attuali 2 euro e 50. Le telco mobili sul piede di guerra: “La Kroes non tiene conto delle esigenze dell’industry”

13 Mag 2011

La Commissione europea si prepara ad annunciare nelle prossime
settimane un piano per l’abbattimento delle tariffe
internazionali di roaming mobile. Secondo quanto risulta
all’agenzia Reuters a partire dal luglio 2014 le tariffe
subiranno un taglio di 0,24 centesimi al minuto, pari ad un taglio
del 40% rispetto ai costi attuali, pari a 0,39 cents.

La manovra include anche nuove tariffe per i messaggi sms che
saranno tagliati a 0,10 centesimi fino a luglio 2016. Ulteriori
misure riguarderanno il traffico dati per obbligare gli operatori a
fissare un limite di prezzo alla navigazione online oltreconfine.
Già lo scorso anno è stato imposto il tetto dei 50 euro mensili
(a meno della richiesta di sblocco da parte del cliente) per
evitare bollette “shock”.

Ma l’Europa ha ora intenzione di fissare un nuovo data roaming
cap: questa volta la misura riguarderà la tariffazione per il
download dei dati. L’obiettivo è ridurre a 0,90 centesimi il
costo per il download per Mb dall’attuale media di 2 euro e 50.
Secondo quanto risulta all’agenzia Reuters gli operatori mobili
avrebbero già manifestato di non concordare con le misure e
avrebbero accusato il commissario europeo all’Agenda digitale
Neelie Kroes di non tenere conto delle esigenze del comparto.

Il taglio delle tariffe avrebbe infatti un impatto notevole sugli
introiti delle telco mobili e in particolare di quelle che vantano
un maggior numero di clienti. La bozza di proposta sarà sottoposta
ai regolatori nazionali il mese prossimo e aperta successivamente a
consultazione pubblica per i pareri degli operatori.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link