Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

IL TRAIL TEL AVIV-BARI

Ngn, prove sottomarine fra Italia e Israele

Eci Telecom ha usato un cavo della connazionale Bezeq per trasmettere 100 G di traffico coerente fra Tel Aviv e Bari. Il trail per dimostrare che è possibile amplificare la potenza dei cavi sottomarini

12 Mar 2013

Patrizia Licata

Un viaggio andata e ritorno da Israele all’Italia che prova le potenzialità delle Ngn basate su tecnologia ottica coerente, anche lungo un cavo sottomarino. La trasmissione è stata condotta con successo da Eci Telecom (fornitore di soluzioni per reti Ngn a livello globale) sul cavo sottomarino internazionale Jonah di proprietà di Bezeq International (la principale telco israeliana): coprendo una distanza totale di 4.600 km, da Tel Aviv a Bari e ritorno, è stato trasportato traffico coerente 100 G senza rigenerazione del segnale ottico usando i prodotti Apollo Omlt (la famiglia di piattaforme Eci per il trasporto ottimizzato multi-layer).

L’impiego del 100 G permette di trasmettere più dati più velocemente su distanze maggiori. Applicando la tecnologia avanzata di correzione d’errore Sd-Fec (Advanced coherent soft-decision forward error correction), l’impiego di queste reti rende possibile per gli operatori mobili di tutto il mondo offrire servizi di nuova generazione senza dover affrontare investimenti onerosi.

Il trail 100G si è svolto sul cavo sottomarino di Bezeq International in collaborazione con il Consorzio Tera Santa (creato nel 2011 da un gruppo di aziende tecnologiche e cinque università israeliane per sviluppare la prima rete mondiale 1 T basata su Ofdm, con fondi dell’Israeli chief scientist office) come parte della sua ricerca sul comportamento del canale adattivo coerente su lunga distanza. L’esperimento ha dimostrato che il sistema di trasmissione e le tecnologie 100 G di Eci riescono efficacemente a compensare l’insorgenza di effetti non lineari sul canale e la dispersione cromatica usando avanzati algoritmi Sd-Fec. Da parte sua la tessera transponder Apollo 100 G migliora significativamente la capacità del cavo ottico alleviando la congestione del traffico e abilitando nuove applicazioni.

Eci ha già implementato o testato soluzioni 100 G sulle reti di diversi clienti in tutto il mondo e ora ha dimostrato di poter applicare la sua tecnologia anche ai cavi sottomarini. “Eci ha di nuovo dato prova della potenza delle prestazioni della sua tecnologia di trasmissione ottica coerente”, sottolinea Eran Dariel, GM Portfolio Business, Eci Telecom. “I canali 100 G dell’Apollo Omlt permettono agli operatori del cavo sottomarino di accresce notevolmente la capacità su collegamenti molto costosi con il minimo degli interventi sulla rete”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Bezeq International

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link