Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

No alla ricapitalizzazione: Zero9 in liquidazione

I soci dell”azienda fondata da Raffaele Giovine non hanno trovato l’accordo. E sul liquidatore Gregorio Alessio si levano voci di imparzialità

29 Set 2009

“A inizio anno avevano addirittura coinvolto, con il ruolo di
presidente non operativo, l’ex ceo di Telecom Italia Riccardo
Ruggiero per potenziare su scala internazionale la società.
Adesso, invece, la famiglia Bonomi ha deciso di chiudere Zero9,
gruppo specializzato nello sviluppo di servizi a valore aggiunto
per le tlc”, scrive Andrea Montanari di MF.

L’azienda, fondata da Raffaele Giovine, è stata messa in
liquidazione a fine agosto perché, sembra, “era necessaria una
ricapitalizzazione che non ha trovato d’accordo i soci
(Investindustrial, attraverso il veicolo Be Mobile, ha il 60%, il
resto fa riferimento allo stesso Giovine)”. Fine dei giochi? Non
proprio: la nomina del liquidatore, Gregorio Alessio, “non è
andata giù a Giovine”, che ha bocciato la scelta, facendo sapere
tramite il suo legale che Alessio, individuato da Investindustrial,
“non sembra professionista adeguatamente esperto rispetto al
difficile compito che gli vorrebbe assegnare Be Mobile” e nemmeno
“in posizione di debita imparzialità risultando indicato da
società interessata a una ipotizzata futura acquisizione di un
ramo d’azienda di Zero9”.

Ma c’è di più, continua Montanari: secondo il legale del
fondatore di Zero9, “la continuità aziendale, affiancata da una
semplice ristrutturazione del personale, può riportare in
equilibrio economico-finanziario la società consentendo alla
stessa di generare cassa e ripagare i propri debiti in 18 mesi”.
L’avvocato di Giovine ha fatto sapere che, in base a un piano
redatto a maggio dai consulenti di Antex, una riduzione dei costi
del personale per 2,7 milioni “riporterebbe all’equilibrio nel
2010, anche in caso di forte flessione del fatturato in Italia”.
Lo scontro consumatosi in assemblea non chiude affatto la partita,
dunque, anche perché, nota Montanari, “secondo alcune
interpretazioni la liquidazione sarebbe una possibilità per alcuni
competitor di rilevare asset di Zero9”.