Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Nokia, fine della leadership già entro l’estate

Idc prevede che Samsung conquisterà il podio mondiale nella produzione di cellulari nel prossimo trimestre. Ma l’alleanza con Microsoft prefigura per l’azienda finlanese una riscossa a lungo termine

26 Lug 2011

Nokia rischia di perdere la  leadership, saldamente tenuta per
anni sul mercato dei cellulari, a favore della sud-coreana Samsung,
al momento il secondo maggior produttore mondiale: a dirlo è la
società di ricerche Idc sulla scia dei poco brillanti risultati
trimestrali comunicati dal vendor finlandese la scorsa
settimana.

Tuttavia gli analisti non vedono tutto nero per Nokia. Anzi, il
futuro potrebbe rivelarsi più roseo di quanto il presente
lascerebbe immaginare, grazie all’alleanza con Microsoft e al
forte sostegno della comunità degli operatori mobili.

"Nokia soffre su tutti i fronti", afferma l’analista di
Idc Francisco Jeronimo, sottolineando i risultati negativi di Nokia
sia sul segmento di fascia alta degli smartphone che sui feature
phone per il mercato di massa. "Nei prossimi trimestri Idc
stima che Nokia continuerà a perdere market share su entrambi i
fronti, con il rischio di consegnare la leadership mondiale a
Samsung già nel terzo trimestre 2011".

"I device di Samsung stanno vendendo benissimo sui mercati
sviluppati e i feature phone della sud-coreana continuano a far
concorrenza a Nokia sui mercati emergenti”, aggiunge
l’analista.

Secondo le stime di Idc, lo share di Nokia sul mercato globale dei
cellulari è sceso al 25% nel secondo trimestre 2011, contro il 34%
di un anno fa, mentre la quota sul mercato smartphone è diminuita
al 16%, dopo un picco del 37% cinque trimestri fa.

Nokia nella sua trimestrale ha riportato una flessione del 20% anno
su anno del numero totale di device distribuiti (88,5 milioni),
mentre nel segmento smartphone ha sofferto la popolarità dei
concorrenti iPhone e Android e ha visto le vendite diminuire del
34% a 16,7 milioni di unità.

"I rumors dicono che Apple si appresta a lanciare una versione
economica dell’iPhone a settembre: se questo è vero Nokia
continuerà a perdere quote di mercato finché non avrà adottato
pienamente la nuova piattaforma Microsoft", secondo Jeronimo,
mentre sul mercato dei feature phone si profila la concorrenza di
altri vendor asiatici, come Zte e Huawei. Tuttavia, Idc vede la
luce fuori dal tunnel in cui è entrata Nokia.

"La nuova piattaforma adottata da Microsoft avrà un ruolo
importante nei risultati di Nokia il prossimo anno e ci sono forti
segnali che l’azienda riuscirà a ribaltare la situazione
attuale”, sostiene Jeronimo. Secondo l’analista, Microsoft è
riuscita a ottenere una buona user experience con Windows 7 e anche
se il sistema operativo non è diffuso come quelli di altri rivali
ben consolidati, la sua posizione si rafforzerà con l’arrivo sul
mercato di nuovi device e più applicazioni.

“In più, Nokia e Microsoft avranno sempre un forte sostegno da
parte degli operatori mobili”, aggiunge Jeronimo.
"Un’ampia gamma di cellulari Nokia, con i sussidi dei
carrier, avrà sicuramente un impatto positivo sui risultati di
Nokia dei prossimi trimestri”.