Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Non solo fibra per l’Ngn: sugli scudi wireless e satellite

Analysys Mason: le tecnologie senza fili permetteranno di “cablare” le aree rurali e di velocizzare la messa in opera dei progetti per l’ultrabroadband

28 Ott 2010

Il ruolo delle tecnologie wireless e satellitari nella fornitura
della banda larga di nuova generazione in Gran Bretagna. Questo il
contenuto del report realizzato da Analysys Mason
(www.analysysmason.com), società di consulenza specializzata in
Tlc e IT, su commissione del Broadband stakeholder group (Bsg),
l'advisor ufficiale del Governo di Downing Street per lo
sviluppo della banda larga. In particolare, lo studio di Analysys
Mason riguarda le capacità dei network a banda larga wireless e
satellitari, considerando la variazione dei costi di installazione
in tutta la Gran Bretagna, soprattutto in tutte quelle zone rurali
ma non solo (il cosiddetto "Final Third" ndr), dove la
diffusuione della banda laraga è in ritardo rispetto al resto del
Paese.

Antony Walker, Chief Executive del Bsg, descrive il report come
"un report dettagliato dal quale speriamo si possa trarre un
significativo balzo in avanti per capire come le tecnologie fisse e
mobili possano essere utilizzate al meglio per fornire ovunque
l'Ngn in Gran Bretagna".

Lo studio prende in considerazioni scenari di bassa, media e alta
diffusione della domanda di banda larga. Ognuno degli scenari è
stato analizzato in base a diversi livelli di domanda. Per quanto
riguarda il wireless via terra, questa soluzione potrebbe fornire
una domanda media di banda larga al 15% delle abitazioni
britanniche. Questa soluzione implicherebbe tuttavia la
realizzazione di un ampio numero di base station. Se fosse
disponibile una maggior fetta di spettro, allora le tecnologie
wireless via terra potrebbero fornire banda larga a costi
ragionevoli alla maggior parte delle case nel Paese, potenzialmente
a tutte le abitazioni che ne sono ancora sprovviste.

Il report mostra inoltre che se da un lato il ricorso al satellite
è più caro rispetto al wireless terrestre, dall'altro può
ricoprire un importante ruolo complementare, fornendo servizi
broadband alle abitazioni non coperte dal wireless terrestre e a
quelle non raggiunte dagli hot spot della rete wireless.

Philip Bates, Senior Manager di Analysys Mason dice che "Gran
parte del dibattito sulla banda ultralarga in Gran Bretagna si è
incentrata sulla realizzazione di nuovi network in fibra – dice
Bates –
il nostro report mostra che le nuove tecnologie wireless e
satellitari sono in grado di soddisfare la domanda di diversi
scenari in un modo vantaggioso, soprattutto nelle aree
rurali".

"L'obiettivo del report è quello di accrescere la
consapevolezza sui molteplici fattori che hanno un impatto sul
costo e la performance delle tecnologie wireless e satellitari;
l'obiettivo è stimolare un dibattito più dettagliato",
chiude Walker.
“This report should help to raise awareness about the many
factors that have an impact upon the cost and performance of
wireless and satellite technologies; provide a basis for a more
informed comparison of different technologies; and help stimulate a
more detailed and nuanced policy debate,” states Walker.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link