Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Pagamenti convergenti, le telco trainano del mercato

Infonetics: il giro d’affari per servizi e software di convergent charging si moltiplicherà per cinque entro il 2014. Ma nel futuro le transazioni su rete mobile saranno superate da quelle M2M

13 Dic 2010

Il valore del mercato dei servizi e software per pagamenti
convergenti, che include managed solutions e sistemi che abilitano
molteplici modalità di pagamento su diversi tipi di reti e device,
si moltiplicherà per cinque entro il 2014, secondo Infonetics
Research, passando da un giro d’affari di 533 milioni di dollari
nel 2009 a 2,6 miliardi nel 2014.

La nuova edizione del “Convergent charging software and services
market share and forecast report” conferma che il driver della
crescita sono gli operatori telecom, che cercano modi per ridurre
il churn rate e accrescere l’Arpu tramite programmi fedeltà e
metodi di pagamento flessibili. I principali fornitori che si
fronteggiano sul mercato sono al momento Comverse, provider di
servizi di billing e a valore aggiunto, ed Ericsson che ha uno
share di pochissimo inferiore.

Lo studio di Infonetics viene considerato il più completo sul
mercato dei pagamenti convergenti. Analizza sia i servizi di
charging convergenti (consulenza, integrazione, servizi
hosted/managed) sia i software di charging convergenti, ovvero
quelli che possono gestire molteplici sistemi di pagamento
(prepagato, postpagato e ibrido) su più tipi di device (voce,
video, dati), reti (fisso, mobile) e aree geografiche.

"Il mercato del charging convergente è ancora emergente ma
particolarmente dinamico, con le prime implementazioni che vengono
effettuate soprattutto sui mercati in via di sviluppo, come il
Sud-Est asiatico, l’India e l’Europa orientale, dove gli
operatori devono far fronte ad alti tassi di abbandono a favore
della concorrenza e Arpu ridotti. Nel lungo termine, ci saranno
altri driver del mercato, come i servizi di portafoglio mobile e il
pagamento per le transazioni machine-to-machine (M2M)", nota
Shira Levine, directing analyst for next gen Oss and policy di
Infonetics Research.

In particolare, lo studio prevede che le transazioni M2M, come
quelle tra i contatori intelligenti e le società elettriche, o tra
apparecchi telematici e sistemi di gestione, finiranno col superare
di gran lunga le transazioni su rete mobile, rendendo necessarie
delle soluzioni di charging che possano sostenere volumi imponenti.