Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Per Vodafone torna il tempo delle acquisizioni?

Il ceo Vittorio Colao: operazioni di M&A di grosse dimensioni ridurrebbero la pressione competitiva e rilancerebbero le telco su mercato europeo. L’operatore pronto a prender parte “attivamente” a un processo di consolidamento

19 Mag 2011

Round di acquisizioni in vista per Vodafone sul emrcato europeo.
E' stato lo stesso ceo Vittorio Colao a farne l'ipotesi
parlando a margine della presentazione londinese dei risultati
finanziari del gruppo. Potrebbe trattarsi di una svolta nella
strategia del ceo che negli ultimi mesi ha puntato sulle
dismissioni delle partecipazioni di minoranza di Vodafone. Ma alla
domanda se Vodafone acquisirebbe rivali nei mercati europei ha
risposto che "un consolidamento potrebbe essere positivo. Vedo
molti fattori che potrebbero beneficiare di un processo del
genere", aggiungendo che Vodafone è pronta a farsi
"parte attiva" di un eventuale consolidamento in Europa,
dove la maggior parte dei mercati conta quattro operatori, a patto
che si verifichino " le giuste condizioni regolatorie e
finanziarie". La ripresa di acquisizioni in Europa potrebbe
scattare con la definitiva messa a segno del mega-piano
At&t/T-Mobile negli Usa, che farà scendere da quattro a tre
(compresa Verizon Mobile di cui Vodafone possiede il 45%) il numero
di operatori americani.

Nell'ultimo anno fiscale l'operatore britannico ha visto
crescere le revenues del 3,2% a 45,88 miliardi di sterline. Bene
anche l’utile operativo (12,2 miliardi di sterline) e le entrate
dai dati (+26% a 5,1 miliardi), ma l’utile netto è sceso del
7,8% a 7,97 miliardi: colpa della pressione della concorrenza e
della crisi economica che ancora si fa sentire in alcuni Paesi
europei, innanzitutto in Spagna, ma anche in Portogallo, Grecia,
Irlanda e Italia.

Più incoraggianti i risultati di Vodafone fuori dall’Europa,
grazie a solide performance sui mercati emergenti, in particolare
India e Sud Africa. Ma anche l’India è un mercato molto
competitivo, ritenuto ormai maturo per una fase di consolidamento,
e il governo potrebbe agevolare, grazie alla nuova normativa allo
studio per il settore telecom, le operazioni di M&A. “La
partecipazione di Vodafone a un eventuale consolidamento in India
dipenderà dalle regole che saranno stabilite”, ha chiarito
Colao.