ANTEPRIMA CORCOM

Piano Bul, arriva l’ok dell’Europa

Secondo quanto risulta a CorCom la Dg Competition darà il disco verde in settimana al piano italiano per la banda ultralarga. Tutto pronto per le gare. Si lavora per partire in tutte le regioni

28 Giu 2016

Mila Fiordalisi

È atteso entro questa settimana, la prossima al massimo, l’ok da parte della Commissione europea al piano Bul (Banda ultralarga) italiano. Secondo quanto risulta a CorCom la Dg Competion, a cui il Piano è stato sottoposto, si prepara a bollinare il documento in via definitiva in tempo dunque per le imminenti gare nelle aree C e D.

Dopo sei mesi di attente verifiche (il piano Bul era stata prenotificato all’Europa lo scorso dicembre) che hanno consentito di sciogliere tutti i nodi (compresi quelli relativi alle modalità di gara e soprattutto ai contenuti dei bandi) l’Italia ora ha tutte le “carte” a posto per poter andare avanti sul fronte ultrabroadband. Nei giorni scorsi il sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli ha intanto tenuto a battesimo Italia Digitale 2020 (bandaultralarga .italia.it), il portale voluto dal governo per consentire a tutti cittadini di visualizzare in tempo reale lo stato di avanzamento del piano banda ultralarga.

Il portale è stato progettato sulla base dei 96mila cluster in cui è stato suddiviso il territorio nazionale. Ed è stato inoltre organizzato sulla base di due proiezioni: quella al 2018 che tiene conto degli investimenti annunciati dagli operatori e quella al 2020 che somma le risorse pubbliche messe in campo nell’ambito del piano per le aree bianche. Riguardo alla roadmap delle gare Giacomelli ha annunciato che è in corso il dialogo con tutti i presidenti di Regione: “Puntiamo a far partire il primo bando con tutte le regioni accreditate prima della pausa estiva” (al momento sono sette quelle accreditate).

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link