Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Pirelli si riorganizza e cede la banda larga

Il presidente Marco Tronchetti Provera ha annunciato che l’azienda si concentrerà sul business degli pneumatici: la vendita della unit Broadband Solutions prevista entro fine anno

02 Lug 2010

Pirelli è pronta a vendere Pirelli Broadband Solutions, la filiale
attiva nelle soluzioni per l’accesso alla banda larga, come parte
di una riorganizzazione che include lo spin-off del business
immobiliare: lo ha dichiarato il presidente Marco Tronchetti
Provera in un’intervista all’agenzia Bloomberg.

Il terzo maggior produttore europeo di pneumatici sta esaminando
almeno cinque candidati all’acquisto di Pirelli Broadband
solutions, che realizza set-top box e adattori di rete. La vendita,
che Pirelli vorrebbe concludere entro l’anno, complementerà lo
spinoff di Pirelli Real estate spa, che gestisce asset per 16,4
miliardi di euro, con la maggior parte delle proprietà in Italia e
Germania, dando vita a due aziende che faranno direttamente a capo
a Camfin spa, il principale azionista di Pirelli, ha chiarito
Tronchetti Provera.

Pirelli si focalizzerà così sul business degli pneumatici, in cui
ha in programma di spendere 300 milioni di euro quest’anno;
l'azienda raddoppierà la capacità in Cina, Egitto e Romania
per rosicchiare quote alle rivali Continental e Michelin & Cie e in
più Tronchetti Provera si è detto aperto all'acquisto di
stabilimenti produttivi in Asia, ma ha escluso l’ipotesi di un
merger con una concorrente.

“Stiamo costruendo una nuova Pirelli", ha dichiarato il
presidente a Bloomberg. “Il mio sogno è rafforzare sempre più
Pirelli”. L’obiettivo per quest’anno è far crescere le
vendite del 10%, con un target di revenue di 5 miliardi di
euro.

Pirelli Broadband Solutions ha registrato nel 2009 vendite per 132
milioni di euro, secondo il bilancio annuale del gruppo. Tronchetti
Provera non ha rivelato quali siano i possibili candidati
all’acquisto. 

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link