Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Rafforzare il backbone, abbattere i data center: la nuova sfida di Tiscali

L’operatore italiano utilizzerà le soluzioni di Cisco per l’upgrade della propria infrastruttura di rete e la razionalizzazione delle risorse fisiche grazie alla migrazione al cloud

03 Mag 2011

Tecnologia Cisco a sostegno del business di Tiscali. La società ha
infatti siglato un accordo con l’operatore per la fornitura di
soluzioni per il rafforzamento del backbone e per la razionalizzare
del data center. Tale accordo, che coinvolge i partner strategici
di Cisco Sirti per gli apparati di networking e Maticmind per i
sistemi Ucs blade, prevede la fornitura di 3 Cisco Carrier Routing
System (Crs-1), la piattaforma di routing di classe carrier di
Cisco, e di 16 sistemi Ucs blade e 3 Nexus 5000 per l’evoluzione
del Data Center.
Il progetto, che ha ampliato in modo considerevole la capacità
della rete nazionale di Tiscali, ha preso il via nel giugno 2010
con un duplice scopo: apportare importanti innovazioni al proprio
backbone IP e supportare servizi cloud differenziandosi sul mercato
con offerte Software-as-a-Service (SaaS) e
Infrastructure-as-a-Service (IaaS).

“Siamo lieti di aver stretto questa partnership con Cisco, le cui
tecnologie di rete ci consentono di garantire la consueta qualità
dei prodotti che proponiamo al mercato e di assicurare la
continuità nella competenza e nel know-how – commenta Andrea
Podda, Cto di Tiscali – Tecnologie abilitanti per sviluppare i
progetti di oggi e quelli del futuro, grazie anche al supporto
locale alla nostra rete in Italia, che è senza dubbio una delle
reti basate su IP più estese ed interconnesse”.
I benefici dell’architettura del data center si evidenziano in
particolare nella miglior gestione delle risorse infrastrutturali
dedicate all’IT ed ai clienti, nella sostenibilità della
gestione infrastrutturale, nella disponibilità di un ambiente più
affidabile e flessibile e in una migliore efficienza operativa e si
possono riassumere in un risparmio del 30% in termini di spazio e
di consumo di energia rispetto a soluzioni tradizionali.

Tale percorso è possibile grazie al piano che Tiscali ha già
iniziato ad intraprendere con la tecnologia Cisco attraverso le tre
fondamentali fasi dell'evoluzione dei suoi Data Center: il
consolidamento, la virtualizzazione e l'automazione declinate
nell’adozione di tecnologie di unified computing Cisco quali
stateless computing, Unified Fabric, unified management e
virtualization adapter.
“Grazie all’adozione delle soluzioni Cisco, Tiscali ha fatto
evolvere i propri Data Center ottenendo sensibili ottimizzazioni in
termini di costi e qualità – puntualizza Salvatore Pulvirenti,
Cio di Tiscali – Infatti, l’implementazione della soluzione Cisco
è avvenuta nel pieno rispetto dei tempi concordati e senza alcun
impatto sui clienti e sui servizi, attraverso l’introduzione dei
sistemi Ucs e della tecnologia Nexus che hanno permesso a Tiscali
di ottenere forti risparmi in termini di spazio e di consumo di
energia rispetto a soluzioni tradizionali”.

Cisco Crs-1 arriva a gestire 92 terabit al secondo, ed è il primo
sistema di routing di classe carrier progettato per garantire la
massima scalabilità dei servizi, offrendo agli operatori la
protezione degli investimenti necessaria a gestire la fornitura di
servizi multipli e la crescita prevista del traffico generato dai
servizi video su IP. Cisco Unified Computing System, poi, consente
l’ottimizzazione della virtualizzazione, la riduzione dei costi
generali del data center e il provisioning dinamico delle risorse
per una maggiore agilità aziendale e la serie Cisco Nexus 5000
combina il consolidamento del data center ad una sensibile
protezione degli investimenti consentendo il passaggio ad
un’architettura unified fabricl in modo trasparente,
soddisfacendo appieno i requisiti di continuità operativa,
flessibilità scalabilità e flessibilità di trasporto.

“Grazie all’innovazione tecnologica che ha acquisito adottando
le tecnologie CRS-1 e UCS di Cisco – conclude Giorgio Pignataro,
Direttore Operazioni Mercato Service Provider, Media & Broadcaster
Cisco Italy – Tiscali è pronta ad affrontare nuove sfide di
mercato, potendo proporre servizi innovativi basati su reti IP di
nuova generazione e servizi di cloud computing. L’impegno di
Cisco verso i Service Provider non è solo quello di offrire
tecnologie all’avanguardia, ma li accompagniamo passo passo in un
cammino che li porterà a far evolvere l'esperienza media dei
propria clienti, distribuendo qualità e prestazioni elevate,
accelerando la velocità di erogazione dei servizi su ampia scala e
generando nuove opportunità di business”.

Secondo stime Cisco entro il 2015 assisteremo a un aumento di 26
volte del traffico dati su rete mobile (Visual Networking Index
2010) e il traffico internet sarà prevalentemente video, che
costituirà più del 91% del traffico IP globale nei prossimi tre
anni (VXI index 2010). Adottando queste soluzioni Tiscali non solo
rinnova il cuore pulsante della propria attività, ma è già da
oggi pronta per quello che sta per accadere, e con uno occhio
attento anche all’espandibilità futura.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link