Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Romani: “I soldi per la banda larga ci sono”

Il vice ministro alle Comunicazioni: “Gli 800 milioni sono congelati e non spariti. E Tremonti fa bene a tenere tutto fermo in attesa che si esca dalla crisi”

11 Mar 2010

"Gli 800 milioni per la banda larga ci sono. Sono congelati e
non spariti. E Tremonti fa bene a tenere tutto fermo in attesa che
si esca dalla crisi. E spero che presto possano essere utilizzati
". Lo ha detto il vice ministro alle Comunicazioni Paolo
Romani intervenuto a Montecitorio al convegno sulla libertà di
internet organizzato da Telecom Italia. 

Riguardo all'inchiesta sul riciclaggio che ha coinvolto Telecom
Italia Sparkle e Fastweb il vice ministro sottolinea che "il
coinvolgimento di Telecom Italia Sparkle non credo possa
compromettere l'eventuale fusione fra Telecom Italia e
Telefonica".

Sui possibili effetti negativi del caso sugli investimenti
stranieri nelle telecomunicazioni italiane, Romani ha risposto
"Mi auguro non ce ne siano". "Mi sembra che i
dirigenti delle due aziende stiano facendo chiarezza, basti pensare
che Telecom ha responsabilmente rinviato la presentazione del
bilancio – ha aggiunto il vice ministro – In Italia abbiamo un
sistema di regole che penso consenta agli investitori di stare
tranquilli".