Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Smartphone, non decolla l’N8 di Nokia. In Europa “stracciato” dall’iPhone

Morgan Stanley: è di sei a uno la proporzione fra i terminali venduti dalle due aziende, e la forbice potrebbe aumentare nel prossimo anno

06 Dic 2010

In Europa l'iPhone di Apple batte l'N8 di Nokia sei a uno.
Dati scoraggianti per la società nordeuropea, dice la società di
analisi Morgan Stanley, nonostante lo smartphone Nokia supporti la
maggior parte dei requisiti più richiesti dagli utenti. Si stima
che nel quarto trimestre di quest’anno Nokia avrà venduto 2,5
milioni di esemplari contro i 16 milioni di iPhone. Ma non è
finita: la situazione potrebbe peggiorare il prossimo anno con nove
milioni di pezzi N8 venduti contro i 72 milioni di iPhone (uno a
otto).

Eppure è presto per tirare le somme, avvertono gli analisti.
Intanto Nokia non ha mai puntato a fare del suo smartphone un
“killer” di iPhone. Inoltre, indipendentemente dalle basse
quote di vendita, le caratteristiche di N8 soddisfano le richieste
della clientela. Il cellulare riscuote punteggi alti per la maggior
parte delle caratteristiche, tranne che per le apps. In ogni caso
più di 400mila sviluppatori sono a lavoro per apportare
miglioramenti su questo fronte. L’N8 è riuscito a sfondare in
Gran Bretagna dove si è affermato come lo smartphone più venduto
dopo iPhone e Blackberry Curve 8250. In Europa invece è al sesto
posto dopo iPhone, Samsung Tocco Lite, Samsung Galaxy S, Nokia 5230
and BlackBerry Curve.

Dato che si tratta di un dispositivo relativamente nuovo, Morgan
Stanley ritiene che abbia in serbo le cartucce per aiutare la
crescita di Nokia nel settore smartphone. Tuttavia, il
raggiungimento veloce del successo è una conditio sine qua non per
la sua capillare diffusione.

"Un’appropriata campagna di marketing potrebbe migliorare le
vendite – dicono gli analisti – Gli intervistati dimostrano scarsa
conoscenza dell’esistenza dell’N8 soprattutto in Spagna,
Francia e Italia". Del resto quasi la metà dei rivenditori e
degli operatori intende promuovere la N8 fino a gennaio 2011.