Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Stoccolma accende il 4G. Svanberg: “Inizia una nuova era”

A firma di Ericsson e TeliaSonera il nuovo network Lte copre tutto il centro cittadino. Svanberg (Ceo Ericsson): “L’esperienza dei consumatori avrà livelli ineguagliabili”

14 Dic 2009

E' operativa da oggi a Stoccolma la rete commerciale a banda
larga mobile più veloce ed estesa a livello mondiale a firma di
Ericsson e TeliaSonera.

"E' l’inizio della nuova era della banda larga
mobile", commenta Carl-Henric Svanberg, Presidente e Ceo di
Ericsson. "Grazie all’Lte, ovvero il 4G, l’esperienza di
fruizione del consumatore sta per raggiungere livelli
ineguagliabili. La velocità della tecnologia trasferirà la
sensazione di un accesso alla banda larga assolutamente semplice e
libero da ostacoli”.
L'Lte consente infatti il trasferimento di considerevoli
quantità di dati e garantire maggiore efficienza nella gestione
dei costi e dell’impatto ambientale, ottimizzando l’utilizzo
della banda di frequenza e raggiungendo velocità di accesso simili
a quella della fibra. Con una latenza ridotta, gli utenti possono
ora usufruire facilmente e in mobilità di qualsiasi servizio
disponibile online, come video ad alta definizione e giochi
interattivi"

Il centro di Stoccolma è totalmente coperto dalla rete Lte di
Ericsson e rappresenta la più estesa implementazione realizzata
fino ad ora. I clienti di TeliaSonera sono i primi ad avere accesso
ai servizi 4G, attraverso le chiavette Lte (dongle) di Samsung già
in commercio.

"Siamo davvero orgogliosi di essere il primo operatore al
mondo ad offrire ai nostri clienti i servizi 4G", commenta
Kenneth Karlberg, Presidente e Responsabile Mobility Services di
TeliaSonera. "Grazie alla collaborazione vincente con
Ericsson, siamo in grado di fornire la tecnologia 4G ai nostri
clienti di Stoccolma in anticipo rispetto a quanto avevamo
inizialmente pianificato".

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link