Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Telecom Italia sfonda in Brasile. Ma pesa il caso Luciani

Tim Brasile raggiunge i 52 mln di utenti, più vicino l’obiettivo 7 mln di nuove attivazione. Il mercato teme ripercussioni dell’inchiesta sulle Sim false che ha coinvolto il manager “papabile” dg nel nuovo assetto della compagnia guidata da Bernabè

30 Mar 2011

Analisti e mercato tornano ad occuparsi di Telecom Italia. Secondo
Milano Finanza a catalizzare l’attenzione sulla società guidata
da Bernabè le performance del mercato brasiliano, cresciuto in
febbraio di 2,4 milioni di clienti (+17 anno su anno), superando
quota 207 milioni. Tim Brasil ha invece raggiunto i 52,2 milioni di
utenti, con un aumento di 418mila linee pari al 25,2% del
mercato
A crescere in febbraio anche Telemar (Brasil Telecom/Portugal
Telecom), il 4° operatore mobile del Paese, che ha conquistato
856mila linee, arrivando a 40 milioni di clienti; Vivo, il nuovo
acquisto di Telefonica, ha portato i clienti a 61,3 milioni; Claro,
la compagnia di proprietà del magnate messicano Carlos Slim, è
salita a 52,85 milioni di clienti.

“La notizia è positiva per Telecom Italia in quanto pone TI
nelle condizioni di raggiungere l’obiettivo di 7 milioni di nuovi
clienti”, commenta Intermonte che mantiene su TI un target price
a 1,20 euro.
Nonostante i numeri, però, restano le incertezze legate la
business in America Latina. Telco aveva intenzione di promuovere a
direttore generale, Luca Luciani ma l’iscrizione nel registro
degli indagati dell’Ad di Tim Brasile per truffa aggravata e
ostacolo all’autorità di vigilanza nell’ambito dell’ichiesta
sulle sim false ha rimesso tutto in gioco.
Equita, citata da MF, ricorda che “il Brasile è circa il 12%
dell’Ebitda di TI”. La visione “prudente” sul titolo è
motivata dalla mancata stabilizzazione del biz nel mercato
domestico che impatta per l’86% sulla redditività”. Equita ha
un target price a 1,2 euro su Telecom.